Bancarotta fraudolenta, arrestati ex manager del cantiere navale Mondomarine

A finire in carcere l'imprenditore lombardo e l'ex ad Roberto Zambrini; ai domiciliari altri due ex amministratori di Mondomarine, Paolo Formaglio e Carlo Samuele Pelizzari

Militari della Guardia di Finanza

Savona - Questa mattina la Guardia di Finanza di Savona ha dato esecuzione a quattro ordinanze di custodia cautelare - 2 in carcere e 2 agli arresti domiciliari - emesse dal Gip Fiorenza Giorgi del Tribunale di Savona nei confronti di tre ex amministratori del cantiere navale Mondomarine e di un imprenditore lombardo, per il reato di bancarotta fraudolenta e per reati fiscali.

A finire in carcere l'imprenditore lombardo e l'ex ad Roberto Zambrini; ai domiciliari altri due ex amministratori di Mondomarine, Paolo Formaglio e Carlo Samuele Pelizzari. Sempre in queste ore le Fiamme Gialle stanno procedendo al sequestro preventivo, presso istituti di credito e Agenzia del Territorio di diverse province, di disponibilità finanziarie, beni mobili ed immobili per oltre 12 milioni di euro. L'indagine, avviata nel 2017 a seguito della procedura di concordato preventivo richiesto dalla società, conclusasi con la dichiarazione di fallimento emessa dal Tribunale di Savona, ha consentito di accertare la sottrazione fraudolenta di ingenti somme di denaro dalle casse societarie, trasferite su conti esteri riconducibili ai soggetti coinvolti, anche attraverso l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Sono state anche contestate condotte di autoriciclaggio e la falsificazione dei bilanci. Complessivamente, le attività ispettive hanno consentito di segnalare all'Autorità Giudiziaria 7 persone, quattro delle quali destinatarie delle misure cautelari.

©RIPRODUZIONE RISERVATA