Esplosione a Beirut, affonda nave da crociera

Due membri dell'equipaggio della "Orient Queen" sono rimasti uccisi e altri sette sono feriti

Genova - la nave da crociera "Orient Queen", di proprietà dell'imprenditore libanese Mari Abu Merhi, è affondata nel porto di Beirut dopo essere stata colpita nell'esplosione di ieri e dopo che due membri del suo equipaggio sono stati uccisi e altri sette sono rimasti feriti. «Sfortunatamente la nave che stava attraccando al porto di Beirut è stata gravemente danneggiata e tutti gli sforzi per salvarla sono stati vani. È affondata in un giorno nero della storia del Libano», si legge in una nota diffusa dall'agenzia di stampa libanese Nna. «Ci mancherà un punto di riferimento del turismo in mare, che ha tenuto alto per decenni il nome del Libano nella mappa del turismo internazionale», aggiunge la nota. Abu Merhi ha quindi ricordato i «due martiri» della nave e tutti coloro che hanno perso la vita nell'esplosione. Quindi l'appello al governo affinché conduca «una indagine rapida e trasparente» che possa «consegnare alla giustizia i responsabili, senza rinvii».