Civitavecchia, Musolino annuncia battaglia contro i genovesi di Medov

Il neo presidente del porto pronto a fare appello: "L'Authority ha da sempre agito legittimamente tutelando al massimo l’interesse del bene pubblico"

Civitavecchia - Cambia il presidente, non la linea dura. Medov, l'agenzia genovese con interessi anche a Civitavecchia, ha annunciato oggi di aver vinto l'ennesimo ricorso al Tar sul servizio di navettamento dei crocieristi. La riposta di Pino Musolino non si è fatta attendere e il nuovo presidente annuncia battaglia: "L’AdSP prende atto della sentenza del Tar sul ricorso avanzato da Medov e, nel contempo, con i propri uffici la sta analizzando anche per procedere ad appellarsi nei tempi e nei modi garantiti dalla legge". Dunque secondo round nello scontro: "L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale ha da sempre agito legittimamente tutelando al massimo l’interesse del bene pubblico e soprattutto ha sempre lavorato in un'ottica di trasparenza e competenza, salvaguardando tutti gli operatori che lavorano nel porto di Civitavecchia".