Interporto Padova, bilancio in utile

Franco Pasqualetti nuovo presidente della società

Genova - L’Assemblea dei soci dell’Interporto Padova ha approvato all’unanimità il progetto di Bilancio dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2020. L’interporto ha segnato un utile prima delle imposte pari a 2.8 milioni di euro, mentre il risultato finale netto è positivo per 2,3 milioni di euro. L’ebitda è pari a 11,3 milioni di Euro (32%).  L’assemblea ha poi nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale che resteranno in carica fino all’approvazione del bilancio dell’esercizio 2023.  Il Consiglio è così composto: presidente Franco Pasqualetti; Umberto Zampieri, Mario Liccardo, Katià Pizzocchero, Barbara Degani, Nicoletta Salvagnini, Ugo Campagnaro, Alberto Cecolin, Massimiliano Pellizzari.  Nell’anno passato Interporto Padova, ha raggiunto il record di sempre delle unità di carico (container e semirimorchi) movimentate nel suo terminal:  ben 360.580 teu (unità di misura internazionale dei container) con un aumento del 13,75% rispetto al 2019. Un risultato ottenuto grazie ai 7180 treni effettuati lo per collegare la piattaforma logistica padovana con i principali porti e interporti nazionali ed europei: La Spezia, Genova, Livorno, Trieste Capodistria, Bari, Catania, Rivalta Scrivia, Colonia (in Germania) e Geleen (in Olanda). Interporto Padova ha sottoscritto un contratto di finanziamento da 4 milioni di euro per l’acquisto e all’acquisto e all’installazione della quinta gru elettrica a portale già montata e in via di collaudo, che entrerà in funzione entro la prima metà del 2021, garantendo una maggiore produttività alla struttura. Da segnalare anche, che nel corso del 2020, Interporto Padova ha ampliato i servizi messi a disposizione degli operatori della logistica ( ma anche di tutte le altre imprese insediate in zona industriale aprendo e gestendo con proprio personale appositamente formato lo sportello decentrato della Camera di Commercio in Corso Spagna  16.   Questo sportello decentrato, che evita di doversi recare in Piazza Insurrezione, è abilitato al rilascio della firma digitale e di altri servizi molto richiesti dalle imprese, quali cioè visure e bilanci, autocertificazione per dichiarazione sostitutiva di certificato Registro Imprese (questi a rilascio immediato) bollatura libri sociali e scritture contabili e carte tachigrafiche azienda e conducente (a rilascio differito).