Nuovo mega bacino galleggiante per le rompighiaccio atomiche della Russia

Vinta dalla Turchia la gara internazionale bandita da Mosca: il costo è di 55 milioni di euro

Genova - Il valore del contratto con il cantiere navale turco KuzeyStar è di circa 55 milioni di euro. La banchina la cui costruzione è in discussione dal 2015, sarà realizzata e portata a Murmansk entro 29 mesi dalla firma del contratto. Il molo sarà in grado di effettuare riparazioni su rompighiaccio a propulsione nucleare, inclusa la nuova serie "Artico" del Progetto 22220. Inoltre, le navi di servizio nucleare di Atomflot, come l'Imandra e la Serebryanka, potranno ottenere i servizi necessari per la manutenzione dello scafo nel nuovo molo.

Oggi non esistono banchine nella regione di Murmansk che possano servire la nuova classe Arktika, e lo stesso Atomflot non ha un proprio molo abbastanza grande da servire le vecchi rompighiaccio. Di conseguenza, navi come "50 Let Pobedy" e "Yamal" devono essere attraccate nel porto centrale della città di Murmansk.


La nuova banchina da realizzare in Turchia sarà lunga almeno 220 metri, larga 48 metri e con un'altezza del pontone di circa 6 metri per garantire la galleggiabilità della banchina. Il molo sarà gestito da un equipaggio di 30 persone e avrà una capacità di 30.000 tonnellate, secondo SeaNews.

Nessun cantiere navale russo era pronto ad accettare il lavoro. Diversi cantieri nazionali avevano ripetutamente affermato che il prezzo massimo che Rosatom era disposta a offrire per il lavoro era troppo basso. Pertanto la prima "gara" di Atomflot che doveva essere organizzata esclusivamente per i cantieri navali russi, non ha mai avuto luogo. Rosatom si è così rivolta ai cantieri navali internazionali per portare a termine il lavoro.

Si è svolto un secondo “concorso” in cui sono state presentate tre domande: Cantiere KuzeyStar che ha offerto un prezzo di 4,981 miliardi di rubli; la turca Epic Denizcilik ve Gemi Insaat A.S., che offre 4,45 miliardi di rubli per il lavoro; e la società cinese Jiangsu Dajin Heavy Industry Co. LTD. chiedendo 4,57 miliardi di rubli.