La regia di Spinelli Jr nell'operazione del fondo portuale che ha comprato Sestrieres

Roberto, figlio di Aldo, tessitore della trattativa: il fondo Icon è socio del terminalista genovese

Genova - Nel porto di Genova sono noti per aver investito nel terminal di Aldo Spinelli, entrando nella società con una quota del 45%. E i rapporti tra il fondo inglese Icon e l’operatore genovese si sono poi intensificati e hanno permesso di portare a casa anche altre operazioni, non solo portuali. La regia di Roberto Spinelli, ex vice presidente di Confindustria Genova, è stata invece rilevante, raccontano, per riuscire portare a termine l’acquisizione di Sestrieres Spa. Gli inglesi hanno comprato il 100% della società dai suoi attuali azionisti, Pubbli-Gest e A.B.C.
Sestrieres, fondata nel 1931, è la società che gestisce una delle più grandi aree sciistiche delle Alpi europee. L'azienda conta 47 impianti di risalita, in parte di proprietà e in parte attraverso concessioni a lungo termine, che collegano 305 km di piste da sci da Sestriere a Sauze d'Oulx, Pragelato, Cesana Torinese, Sansicario e Claviere. «Con l'acquisizione di Sestrieres, attraverso un’operazione dal controvalore di 90 milioni di euro, Icon Infrastructure ha rilevato una delle più grandi e solide aziende Italiane nel settore delle stazioni sciistiche, ponendosi obiettivi a medio-lungo termine per far crescere ulteriormente la società, anche a beneficio delle comunità locali».
Il fondo inglese spiega che è pronto a impegnarsi per arrivare a oltre 30 milioni di euro di investimenti già pianificati, a partire dalla sostituzione dell'iconica seggiovia Cit Roc, già programmata. Sono previsti «ulteriori investimenti per il rinnovamento e miglioramento degli impianti di risalita, nella digitalizzazione e nelle strategie commerciali per innovare l'offerta turistica per la clientela esistente e ad aumentare l’interesse nel comprensorio, da parte di visitatori italiani ed internazionali». —