era diretta in turchia

Nave con carico d’armifermata in grecia

Atene - Una nave cargo battente bandiera della Sierra Leone e salpata dall’Ucraina e - secondo i documenti di viaggio - diretta in Libia con un carico di armi è stata intercettata e bloccata dalle autorità greche nelle sue acque territoriali ed è ora sotto sequestro a Rodi. Lo rivela la guardia costiera greca. La nave cargo bloccata dalla guardia costiera greca con a bordo un carico sospetto di armi era diretta verso il porto turco di Iskenderun (Alessandretta), secondo quanto riferito dal comandante turco - arrestato - citato dall’agenzia greca Ana. In precedenza alle autorità greche erano state dichiarate come destinazioni Tartus, il porto con la base navale russa in Siria, e Tripoli, Libia. A bordo, ha precisato la guardia costiera greca, ci sono 20.000 fucili Kalashnikov, munizioni e grandi quantità di esplosivo. «Resta da verificare l’esatta destinazione delle armi», ha detto un portavoce della guardia costiera, aggiungendo che un inventario del carico è in corso. La nave, la Nour M, battente bandiera della Sierra Leone e partita da un porto ucraino, è stata bloccata al largo dell’isola di Symi, nel Dodecaneso, quindi non lontano dalle coste turche. Secondo l’Ana, la Nour M in passato era già stata fermata con un carico di droga. I documenti di viaggio emessi dall’Onu per i carichi di armi non sono risultati regolari e il carico di armi eccedeva il consentito, ha detto la guardia costiera.