Portsmouth chiude

Bae Systemsa casa in 1.775

Londra - Il gigante britannico della difesa navale, Bae Systems, ha annunciato il taglio di 1.775 posti di lavoro negli impianti di Scozia e Inghilterra entro il 2016, una decisione che rientra in un piano di ristrutturazione per il quale è stato raggiunto un accordo con il ministero britannico della Difesa. Bae spiega che i tagli sono la conseguenza di una «significativa» riduzione della domanda nel settore.

In particolare, verranno eliminati 940 posti di lavoro presso l’impianto di Portsmouth che cesserà le attività nel secondo semestre del 2014. Altri 835 saranno tagliati tra gli impianti di Filton in Inghilterra, Glasgow e Rosyth in Scozia. Bae Systems, che impiega in totale 88.200 persone nel mondo, spiega che i costi della ristrutturazione saranno a carico del ministero della Difesa.

Il cantiere di Portsmouth è uno dei più antichi dell’Inghilterra: venne fondato nel 1509.

Secondo i politici locali, il cantiere potrebbe salvarsi con la costruzione di navi commerciali. In particolare, l’obiettivo sarebbe quello di portare la costruzioni di maxi-yacht, piuttosto che unità ad alto contenuto tecnologico. L’idea sarebbe quella di creare un polo con la città di Southampton. Ma per ora, di reale ci sono solo i licenziamenti.