Primi nove mesi

d’Amico:più utili

Roma - D’Amico International Shipping ,quotata alla Borsa Italiana, ha chiuso i primi nove mesi dell’anno con ricavi base time charter di 145,5 milioni di dollari, il 7,2% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, Ebitda di 39,9 milioni (13,8 milioni nel 2012). L’utile netto del periodo è stato di 18,4 milioni a fronte della perdita di 107 milioni dello scorso anno, con indebitamento netto ridotto del 9,7% a 199,3 milioni e cash flow operativo di 29,9 milioni contro 1,2 milioni nel 2012. Così l’amministratore delegato Marco Fiori: «Sono molto orgoglioso di questi risultati, che mentre continuano a consolidare la società confermano l’efficacia delle sue strategie. Il positivo scenario del mercato, insieme al nostro costante focus sui ricavi e sul controllo dei costi, ha portato ad un positivo incremento della profittabilità». «Come di consueto - ha aggiunto il direttore finanziario Giovanni Barberis - copriremo circa il 35% del piano di investimenti con capitale proprio”. Anche per il quarto trimestre del 2013 le previsioni sono positive, grazie all’aumento stagionale del consumo dei prodotti petroliferi.

Anche nel medio periodo si attende uno scenario positivo grazie alla domanda mondiale di prodotti petroliferi.