il seminario

genova punta la pruasugli arbitrati marittimi

Genova - Genova ha tutte le carte in regola per tornare ad essere una delle capitali mondiali dell’arbitrato marittimo. Questo è il messaggio che viene lanciato domani all’Università di Genova nel corso di un seminario promosso dal Dipartimento di Giurisprudenza e dell’Associazione Italia per l’Arbitrato, al quale partecipano, fra gli altri, Sergio Maria Carbone, Giorgio Berlingieri, Piero Bernardini, Enrico Righetti.

L’incontro si svolge nell’aula magna di Via Balbi 5, con inizio alle ore 14. «Questo tipo di arbitrato, che riguarda le controversie inerenti i rapporti del diritto marittimo-afferma Andrea La Mattina, uno dei relatori all’incontro e professore a contratto di diritto della navigazione nell’Università di Genova -si segnala per la sua specificità rispetto all’arbitrato commerciale internazionale e rappresenta un modo di soluzione delle controversie nel quale più che le singole leggi statali viene in rilievo l’applicazione di quella che si può definire “lex maritima”, ovvero una sorta di diritto transnazionale che contiene principi e regole del commercio marittimo internazionale». Si tratta di un fenomeno di stretta competenza del mondo dello shipping , ma diffuso in tutto il mondo e, in particolare, presso le istituzioni arbitrali di Londra (London Maritime Arbitration Association) e New York (Society of Maritime Arbitrators), che gestiscono il 90% del mercato mondiale degli arbitrati marittimi, generando una considerevole attività professionale di altissimo livello e un consistente indotto economico.

«Al riguardo-continua La Mattina- la competenza degli avvocati marittimisti genovesi, riconosciuta anche all’estero, potrebbe essere il motore propulsivo per rilanciare la nostra città come sede di arbitrati marittimi. Ci rendiamo conto della innegabile supremazia di Londra e New York, si tratta di una provocazione, nel senso buono del termine, ma anche di un modo per richiamare l’attenzione sulla necessità di lanciare sfide ambiziose che si basino sulla tradizione di Genova e sulle sue eccellenze professionali, spesso sottovalutate o addirittura ignorate». L’Aia, l’Associazione Italiana per l’Arbitrato, vanta nella sua storia presidenti di notevole prestigio, fra i quali Antonio Segni, Giuseppe Guarino, Natalino Irti, Antonio Maccanico.