In evidenza
Blue Economy
Shipping
Transport
Blog
ambiente

Merlo (Federlogistica), appello al nuovo governo: “Serve un piano di difesa dei porti e della costa dai cambiamenti climatici”

"Le attività di navigazione e portuali saranno sempre più complesse"

Aggiornato alle 1 minuto di lettura

Mareggiata nel porto di Rapallo (foto d'archivio)

 

Genova - Un piano straordinario per la protezione delle coste e dei porti, alla luce dei cambiamenti climatici che potrebbero avere effetti devastanti. Lo chiede il presidente di Federlogistica-Conftrasporto Luigi Merlo. "Ora che abbiamo anche il ministero del Mare che cosa si aspetta ad attivare un piano di protezione delle coste e di monitoraggio degli effetti del cambiamento climatico sui nostri mari?" chiede Merlo che aveva già lanciato l'allarme.

"Non risulta sia stato attivato un piano - dice - eppure quella climatica è un'emergenza prioritaria: gli episodi sono destinati a ripetersi e in maniera sempre più violenta - prosegue Merlo -. Migliaia di attività sulla costa rischiano di scomparire, le attività di navigazione e portuali saranno più complesse, mentre stanno già cambiando le condizioni di lavoro in sicurezza". La richiesta è quindi "attivare immediatamente un piano straordinario che tenga conto di tutti i fattori, a partire da sistemi di previsione più sofisticati e puntuali". "Negli enti di ricerca e in alcune università - prosegue il presidente di Federlogistica - esistono già analisi e competenze che consentirebbero di agire con tempestività. Rassegnarsi a contare i danni o a proclamare lo stato di calamità non può essere una scelta politica".

I commenti dei lettori