Gli scienziati: "Lo smog non trasporta il coronavirus"

Lo sostengono i massimi esperti internazionali, bocciando l'ipotesi di un diretto coinvolgimento dello smog nell'escalation dei contagi, in occasione del Webinar 'Air pollution and Covid-19', organizzato dalla Fondazione Internazionale Menarini

Milano - Lo smog è un "alleato" della Covid-19 ma non è un vettore in grado di diffondere e "trasportare" il virus SarsCov2. Non lo "trasporta" dunque, ma chi è stato a lungo esposto all'aria inquinata, se contagiato, potrebbe andare incontro a una malattia più seria. Lo sostengono i massimi esperti internazionali, bocciando l'ipotesi di un diretto coinvolgimento dello smog nell'escalation dei contagi, in occasione del Webinar 'Air pollution and Covid-19', organizzato dalla Fondazione Internazionale Menarini nell'ambito del progetto RespiraMi. Secondo i dati degli studi disponibili a oggi, le particelle inquinanti non possono agire come trasportatori di particelle infettive del virus e l'inquinamento atmosferico è quindi difficilmente responsabile di un'impennata nei contagi, ma l'esposizione allo smog può avere effetti negativi sulla salute generale, rendendo più fragili di fronte al virus e aumentando la prevalenza di patologie cardiovascolari, metaboliche e respiratorie nella popolazione, accrescendo così la quota di soggetti con un rischio più elevato di conseguenze peggiori in caso di contagio da Covid-19.Quindi sarebbero gli effetti negativi dello smog sull'organismo a determinare una prognosi più sfavorevole per chi è più esposto all' inquinamento, che invece, di per sè, non sarebbe vettore di contagio.

È sempre più evidente cioè, affermano gli esperti, come lo smog sia un terzo incomodo tra il virus e il corpo: quando l'organismo è più compromesso, i danni sono maggiori. SarsCov2 «viene trasmesso soprattutto tramite le goccioline respiratorie, o droplets, di una persona infetta che tossisca, starnutisca o parli a distanza ravvicinata; il contagio da superfici infette è più raro, mentre alcune indicazioni suggeriscono che il virus possa rimanere infettivo nell'aerosol di un ambiente chiuso - osserva Sergio Harari, direttore Unità Operativa Pneumologia del'lOspedale San Giuseppe di Milano -. Invece, l'ipotesi che il particolato atmosferico possa trasportare il virus, e quindi contribuire a diffonderlo per via aerea, non sembra plausibile».

©RIPRODUZIONE RISERVATA