green and tech interviews

Italmatch Chemicals studia acquisizioni in Italia, Cina e Usa

Genova - Avviato finanziamento con pool di banche.

di Gilda Ferrari

Genova - Prosegue sulla strada della crescita Italmatch Chemicals, gruppo attivo nella chimica di specialità controllato dal fondo francese Ardian, che ha sede a Genova e opera nel mondo attraverso stabilimenti in Italia, Cina, Regno Unito, Spagna e Stati Uniti, più 5 centri di ricerca di cui uno a Spoleto, dove ha sede anche una fabbrica, e due ad Arese.

Il gruppo conta 500 dipendenti nel mondo, di cui una quarantina della sede di Genova che raccoglie le funzioni di staff, e fattura 350 milioni l’anno. L’obiettivo è raggiungere un giro d’affari di «500 milioni nei prossimi anni» attraverso acquisizioni e attività di ricerca e sviluppo sui prodotti. Recentemente Italmatch Chemicals ha perfezionato un’operazione di finanziamento del piano di investimenti e contestuale rifinanziamento del debito.

Maurizio Turci, direttore finanziario della società, sui numeri non si sbottona: «Diciamo che il finanziamento va in parte a rifinanziare il debito della società, che è di 150 milioni, e in parte in investimenti sullo sviluppo delle attività con azioni sia interne sia esterne». Sul fronte interno l’azienda intende sostenere i centri di ricerca, «in particolare lo sviluppo di prodotti nel segmento del trattamento delle acque e dei lubrificanti», spiega Turci raccontando come l’industria energetica offra prospettive interessanti. Nell’oil&gas, ad esempio, l’attività di fracking per l’estrazione del gas utilizza acque e fluidi per il raffreddamento delle rocce «ed è un mercato in crescita». Sull’eolico, invece i lubrificanti chimici sono utilizzati anche per il funzionamento delle pale: «Shell ad esempio compra gli additivi per i lubrificanti di pale eoliche da noi - dice Turci - e anche in questo caso parliamo di settore in crescita». Sul fronte esterno la società sta seguendo cinque dossier di possibili acquisizioni: «Stiamo guardando due società in Cina, altre due negli Stati Uniti e una quinta in Italia. Ma fare nomi è prematuro», conferma Turci.

Con l’operazione di finanziamento Italmatch Chemicals è al servizio del debito e del piano di crescita intrapreso due anni fa. Tra il pool di banche coinvolte in relazione al finanziamento, ci sono Bnp Paribas, Crédit Agricole Cib, Mediobanca e UniCredit, Interbanca e Société Générale. «Con questa transazione Italmatch Chemicals guarda al futuro con nuove e ulteriori azioni di espansione», dice l’a.d. Sergio Iorio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: