Primo F35 a bordo della portaerei "Cavour"

Genova - Una pagina importante nella storia della Marina militare e delle forze aeree della medesima è stata scritta il primo marzo, quando il primo di due velivoli F-35B a decollo corto ed atterraggio verticale (Stovl, Short Take-Off Vertical Landing) della Integrated Test Force (Itf) statunitense per il programma del velivolo stealth F-35, è atterrato per la prima volta a bordo della portaerei "Cavour"

di Luca Peruzzi

Genova - Una pagina importante nella storia della Marina militare e delle forze aeree della medesima è stata scritta il primo marzo, quando il primo di due velivoli F-35B a decollo corto ed atterraggio verticale (Stovl, Short Take-Off Vertical Landing) della Integrated Test Force (Itf) statunitense per il programma del velivolo stealth F-35, è atterrato per la prima volta a bordo della portaerei "Cavour", ammiraglia della Squadra Navale. L’evento è avvenuto il primo marzo scorso alle ore 17 circa ora locale americana nelle acque dell’Oceano Atlantico occidentale. Si tratta di un passaggio fondamentale nel lungo e complesso processo di certificazione all’impiego del velivolo di nuova generazione F-35B da parte della portaerei "Cavour", che ha visto la partenza della stessa nave ammiraglia dalla base navale di Norfolk lo scorso 28 febbraio con a bordo personale americano del team integrato per una campagna di test a mare della durata di quattro settimane: "È un risultato notevole per tutti noi, oggi, vedere il caccia di quinta generazione della US Marine sul nostro ponte di volo - dice il comandante della portaerei "Cavour", capitano di vascello Giancarlo Ciappina -. Questo rappresenta, infatti, un successo eccezionale ma, allo stesso tempo, una nuova sfida per il futuro dell'Aviazione Navale Italiana e della Marina Militare”.

Nel corso di quest’ultima, la squadra americana unitamente a personale dell’equipaggio della nave e di volo della Marina Militare proveniente dalla base aerea del Corpo dei Marine di Beaufort, dove ha completato l’addestramento e la transizione sul nuovo velivolo, sta procedendo alle verifiche del ponte di volo e degli impatti con il velivolo di quinta generazione nei momenti topici di decollo e appontaggio in diverse condizioni di assetto ed in relazione a diversi fattori quali i venti e lo stato del mare. I piloti della Marina militare che hanno effettuato la transizione sul nuovo velivolo negli Stati Uniti è previsto procedano all’ottenimento della qualifica all’impiego da portaerei: "La nostra squadra si è addestrato a lungo per prepararsi a questo giorno, e sono stato onorato di far appontare il primo jet a bordo di nave 'Cavour'", dice il Maggiore Brad Leeman, uno dei tre piloti collaudatori dell'F-35B del Corpo dei Marine e ufficiale responsabile del team di test Itf impegnati nelle attività, facente parte dello Squadron Two Three (Vx-23), l’unità aerea integrata US Navy/Corpo dei Marine per i test e le valutazioni sui nuovi velivoli facente parte della Naval Air Warfare Center Aircraft Division (Nawcad) presso la base aerea della Marina di Patuxent River.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: