La ripresa mondiale accelera: sarà la più forte degli ultimi 80 anni

Nonostante la ripresa, il prodotto globale sarà il 2% al di sotto dei livelli pre-pandemia alla fine dei quest'anno

Il porto di Tanger Med

Milano - La ripresa mondiale accelera nel 2021: spinto dal boom di Stati Uniti e Cina, il pil è atteso crescere del 5,6%, in quella che è la velocità maggiore degli ultimi 80 anni. La Banca Mondiale alza le stime di crescita per quest'anno ma avverte: le disuguaglianze rischiano di aumentare con la ripresa guidata da un ristretto numero di paesi mentre le economie più povera faticano a riagguantare i livelli pre-Covid.

Per gli States e la Cina l'istituto di Washington prevede un pil in crescita rispettivamente del 6,8% e dell'8,5% nel 2021 e del 4,2% e del 5,4% nel 2022. Eurolandia, secondo le stime della Banca Mondiale, accelera al +4,2% quest'anno e al +4,4% il prossimo. Una revisione al rialzo delle stime quindi anche per l'area euro che, per Eurostat, ha registrato una contrazione del pil dello 0,3% nei primi tre mesi dell'anno. In controtendenza invece l'Italia, la cui crescita nel primo trimestre è stata positiva per lo 0,1% a fronte di un'occupazione in calo dello 0,9%, e vendite al dettaglio - in base ai dati diffusi dall'Istat - calate in aprile dello 0,4%. Completamente diversa da quella delle grandi economie mondiale è la fotografia scattata dalla Banca Mondiale per i paesi a basso reddito, che sperimentano nel 2021 la crescita più bassa degli ultimi 20 anni.

«Nonostante la ripresa, il prodotto globale sarà il 2% al di sotto dei livelli pre-pandemia alla fine dei quest'anno. Le perdite in termini di reddito pro capite non saranno recuperate entro il 2022 per i due terzi dei mercati emergenti e in via di sviluppo. Nelle economie a basso reddito, dove le vaccinazioni sono a rilento, gli effetti della pandemia hanno bruciato i progressi realizzati nella riduzione della povertà e aggravato l'insicurezza e altre difficoltà», osserva l'istituto di Washington invitando, con il suo presidente David Malpass, ad accelerare la distribuzione dei vaccini, l'unico strumento in grado di limitare e ridurre le disuguaglianze e la ripresa a due velocità.

©RIPRODUZIONE RISERVATA