Una donna nel corpo speciale della Marina: è la prima volta negli Usa

La donna è una delle 18 che hanno tentato di diventare SWCC o Seal. Di queste 14 non sono riuscite a finire l'addestramento, mentre altre tre sono ancora impegnate nel tentativo di superare il programma.

Militari a bordo della USS Ross

New York - Una donna entra per la prima volta nel corpo speciale della Marina americana, facendo cadere un'altra barriera di genere dopo che cinque anni fa è stata concessa alle donne la possibilità di candidarsi per ogni ruolo di combattimento nelle forze armate statunitensi. Come da prassi per i corpi speciali, il nome della donna non è stato comunicato. "Ha dimostrato carattere e leadership. E' un risultato straordinario", ha detto il comandante del Us Naval Special Warfare Command, l'ammiraglio Hugh Howard III, sottolineando che in tutto hanno superato in 17 il programma di addestramento per diventare membro dell'equipaggio di navi da combattimento speciali, lo 'special warfare cambatant-craft crewmen'. Un programma durissimo, al quale 'sopravvivono' solo il 35% di coloro che presentato domanda. Solo il test finale, chiamato Tour, prevede 23 ore consecutive di corsa e 8 chilometri a nuoto in contesti particolarmente difficili.

La donna è una delle 18 che hanno tentato di diventare SWCC o Seal. Di queste 14 non sono riuscite a finire l'addestramento, mentre altre tre sono ancora impegnate nel tentativo di superare il programma. Il numero delle donne nelle forze armate americane è in aumento da anni. Nel 1973 le donne rappresentavano solo il 2% delle forze arruolate e l'8% del copro ufficiali dell'esercito. Nel 2018 le percentuali erano salite rispettivamente al 16% e al 19%. Una delle tappe decisive nella scalata della donne alle forze armate è stato il 2015, quando l'allora segretario della Difesa dell'amministrazione Obama, Ashton Carter, annunciò l'apertura alle donne di tutte le posizioni nelle forze armate, anche in quelle da combattimento. Una decisione che suscitò non poche polemiche e incontrò non poche resistenze, ma che ha fatto cadere una barriera importante e ha rappresentato un passo in avanti nell'uguaglianza di genere. 

©RIPRODUZIONE RISERVATA