Irlanda, la Cina sale al 4° posto per beni importati

La Germania, che nello stesso periodo del 2020 era il quarto maggior fornitore, quest'anno si è attestata al quinto posto con 4,71 miliardi di euro. I dati ufficiali hanno inoltre mostrato che la Cina ha mantenuto la sua posizione in qualità di quinto mercato di esportazione

Shanghai

Dublino - Per l'Irlanda, la Cina ha sostituito la Germania nella sua quarta posizione in termini di maggior fonte di beni importati nei primi otto mesi di quest'anno. È quanto emerso dai dati rilasciati ieri dall'ufficio centrale di statistica irlandese. L'ente ha specificato che nel periodo gennaio-agosto, l'Irlanda ha importato un totale di 4,81 miliardi di euro di merci dalla Cina, rendendo il Paese asiatico il quarto maggior partner commerciale della nazione europea in termini di importazioni.

Le tre più grandi fonti di beni importati per l'Irlanda nel periodo sono stati gli Stati Uniti (10,09 miliardi di euro), la Gran Bretagna (9,77 miliardi di euro) e la Francia (6,69 miliardi di euro). La Germania, che nello stesso periodo del 2020 era il quarto maggior fornitore, quest'anno si è attestata al quinto posto con 4,71 miliardi di euro. I dati ufficiali hanno inoltre mostrato che la Cina ha mantenuto la sua posizione in qualità di quinto mercato di esportazione per l'Irlanda nei primi otto mesi del 2021 dopo gli Stati Uniti (33,11 miliardi di euro), la Germania (12,21 miliardi di euro), la Gran Bretagna (11,41 miliardi di euro) e il Belgio (8,36 miliardi di euro). Tra gennaio e agosto l'Irlanda ha infatti esportato 7,65 miliardi di euro di merci in Cina. Nello stesso periodo, la nazione europea ha importato un totale di 63,21 miliardi di euro di beni, con un aumento del 15,79% rispetto al 2020, mentre il valore totale delle merci esportate è stato di 106,95 miliardi di euro, in calo dell'1,51% su base annua, stando ai dati dell'ufficio centrale di statistica irlandese.

©RIPRODUZIONE RISERVATA