La Marina danese apre il fuoco sui pirati: quattro morti e un ferito

La nave è poi affondata e otto sospetti sono stati catturati, uno dei quali ferito. Il golfo di Guinea è una delle zone dove più spesso si verificano sequestri di equipaggi di navi: nel 2019 vi è avvenuto il 90% dei rapimenti al mondo

La nave danese Esbern Snare

Copenaghen - La Marina danese ha fatto sapere che una delle sue fregate, che viaggiava al largo dell'Africa occidentale in una missione internazionale contro la pirateria, ha ucciso quattro presunti pirati e ne ha ferito un altro, in uno scontro a fuoco.

La fregata HDMS Esbern Snare ha reagito all'informazione che una nave si stava avvicinando a varie navi commerciali nel golfo di Guinea, al largo della Nigeria. Ha inviato un elicottero Seahawk, la cui flotta ha segnalato otto uomini a bordo dell'imbarcazione con "equipaggiamento connesso a pirateria, tra cui scale". Soldati danesi si sono avvicinati a bordo di gommoni e, quando i presunti pirati non hanno reagito alle chiamate radio, hanno sparato colpi d'avvertimento. 

I presunti pirati hanno sparato, quindi i militari hanno risposto al fuoco uccidendo i quattro, ha dichiarato l'esercito danese. La nave è poi affondata e otto sospetti sono stati catturati, uno dei quali ferito. Il golfo di Guinea è una delle zone dove più spesso si verificano sequestri di equipaggi di navi: nel 2019 vi è avvenuto il 90% dei rapimenti al mondo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA