Il crollo del prezzo del greggio fa tremare l’economia nigeriana / FOCUS

Milano - Il Pil del Paese è passato dai 568 miliardi di dollari del 2014 ai 405 miliardi del 2016.

di Massimo Mascheri

Milano - Il gigante d’Africa ha i piedi d’argilla. A causa del crollo del prezzo del petrolio, di cui possiede le maggiori riserve a livello continentale, la Nigeria ha visto il proprio prodotto interno lordo passare dai 568 miliardi di dollari del 2014 ai 405 miliardi del 2016. Si tratta di un crollo impressionante che è però in gran parte dovuto alla svalutazione della naira nei confronti del biglietto verde.

Ciò non toglie che l’economia della Nigeria sia completamente dipendente dalle quotazioni del barile visto che ben il 70% del suo bilancio statale è legato agli incassi derivanti dal greggio, percentuale che sale addirittura all’83% se si considerano le entrate di valuta pregiata e al 90% per quel che riguarda l’export.
Acquista una copia digitale dell’Avvisatore Marittimo per continuare la lettura

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: