Dazi, Malmstrom (Ue): «Dagli Usa nessuna risposta alle richieste di dialogo»

Bruxelles - Lo ha detto la commissaria al Commercio, Cecilia Malmstrom, aggiungendo che se Washington «deciderà di autorizzare misure di rappresaglia, l’Ue è pronta a fare lo stesso».

Bruxelles - L’Unione europea non ha ricevuto dagli Usa una «risposta positiva» alla richiesta di risolvere amichevolmente le dispute sui sussidi a Airbus e Boeing, e ha «l’impressione» che l’amministrazione Trump adotterà i dazi autorizzati dal Wto già in ottobre. Lo ha detto la commissaria al Commercio, Cecilia Malmstrom, aggiungendo che se Washington «deciderà di autorizzare misure di rappresaglia, l’Ue è pronta a fare lo stesso». Questa settimana il Wto dovrebbe presentare una cifra sull’ammontare delle contromisure” che gli Usa potranno adottare in rappresaglia ai sussidi europei a Airbus. «Probabilmente non oggi, ma domani dovrebbe accadere», ha detto Malmstrom al termine di una riunione informale dei ministri del Commercio dell’Ue. «Entriamo in una fase cruciale. La decisione dell’amministrazione Trump sui dazi dovrebbe essere presa «in ottobre» e «la mia impressione è che lo faranno», ha aggiunto Malmstrom. «Tra un paio di mesi, in un caso parallelo, all’Ue sarà dato il diritto di adottare contromisure contro gli Usa» per i sussidi americani a Boeing.

«Abbiamo ripetuto per molti mesi che, anche se abbiamo fatto entrambi errori e possiamo imporre dazi, questo non è il buon modo di fare. I dazi sono sempre controproducenti e colpisce consumatori e imprese», ha spiegato Malmstrom. «Ci auguriamo fino all’ultimo momento iniziare il dialogo, congelando i dazi», ma «per ora non abbiamo risposta positiva». Malmstrom ha avvertito che se gli Usa «decideranno di autorizzare misure di rappresaglia, l’Ue è pronta a fare lo stesso». La Commissione ha «già pubblicato una lista di possibili sanzioni» e «stiamo esplorando tutta una serie di aree in cui possiamo agire», ha detto Malmstrom.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: