Sale la tensione in Libia: sequestrata una nave con equipaggio turco

Gli uomini di Hafatr l’hanno portata al porto di Ras El Hilal per ispezionarne il carico

Ispezioni dei militari libici

Tripoli - Alta tensione in Libia. Le forze del generale Khalifa Haftar hanno sequestrato una nave con equipaggio turco poche ore dopo che il via libera nel Parlamento di Ankara all’accordo di sicurezza e cooperazione militare con la Libia.

La nave con equipaggio turco, registrata a Grenada, è stata fermata al largo della città orientale di Derna, e gli uomini di Hafatr l’hanno portata al porto di Ras El Hilal per ispezionarne il carico. Al momento non è chiaro cosa trasportasse la nave né la sorte dei tre marittimi. È l’ultimo capitolo di una serie di eventi che mostrano la tensione crescente in Libia. Il governo di Tripoli nei giorni scorsi ha chiesto aiuto a cinque Paesi, tra cui Italia e Turchia, per contrastare l’offensiva su Tripoli dell’uomo forte della Cirenaica. La Farnesina ha detto a più riprese che non c’è soluzione militare, ma solo dialogo politico, ma la tensione è crescente, adesso anche tra le forze di Haftar e Ankara, che appoggia il Governo di accordo nazionale (Gna), riconosciuto dalla comunità internazionale, del premier Fayez al-Serraj. Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha detto che Ankara è pronta a inviare truppe in Libia, se arriverà la richiesta di Tripoli.

La capitale da mesi è assediata dalle forze dell’uomo forte della Cirenaica e i bombardamenti sono ripresi con insistenza negli ultimi giorni. L’accordo approvato sabato dal Parlamento turco consentirà ad Ankara di sviluppare la sua presenza in Libia. Erdogan ha già firmato con Tripoli un accordo di delimitazione marittima che consente alla Turchia di far valere i diritti su vaste aree del Mediterraneo orientale, ambita da altri Paesi, in particolare la Grecia. Oggi, a conferma che gli eventi si susseguono senza sosta, a Bengasi è arrivato il capo della diplomazia greca, Nikos Dendias: una breve visita nel feudo del maresciallo Haftar per incontrare due esponenti delle autorità "parallele" nella Libia orientale, il governo ribelle e che è fedele ad Haftar. Direttamente in aeroporto, il ministro greco ha incontrato il premier del governo che sfida il Gna, Abdallah Al-Thini e il suo ministro degli Affari esteri, Abdulhadi Al-Houeij

©RIPRODUZIONE RISERVATA