Coronavirus, settimana di passione per le Borse globali / FOCUS

Washington - Settimana di passione per i mercati globali nella morsa del coronavirus cinese. Pioggia di vendite a Wall Street dove il Dow Jones ha bruciato ieri 603 punti con un calo del 2,1%, il più pesante dallo scorso agosto. Lo S&P 500 ha chiuso in rosso dell’1,8% mentre il tecnologico Nasdaq ha lasciato sul terreno l’1,6

Washington - Settimana di passione per i mercati globali nella morsa del coronavirus cinese. Pioggia di vendite a Wall Street dove il Dow Jones ha bruciato ieri 603 punti con un calo del 2,1%, il più pesante dallo scorso agosto. Lo S&P 500 ha chiuso in rosso dell’1,8% mentre il tecnologico Nasdaq ha lasciato sul terreno l’1,6. Il bilancio settimanale risulta negativo per tutti e tre gli indici: -2,5% per il Dow, -2,1% per lo S&P 500 e -1,8% per il Nasdaq. Dall’inizio dell’anno, Dow e S&P 500 hanno perso, rispettivamente, l’1% e lo 0,2% mentre il Nasdaq è salito del 2%.

Subito dopo la chiusura di Wall Street, le autorità statunitensi hanno dichiarato l’emergenza nazionale per il virus di Wuhan ed indicato che impediranno l’ingresso negli Usa agli stranieri che hanno viaggiato in Cina nelle ultime due settimane. Le possibili ripercussioni sulla crescita globale hanno piegato anche le principali Borse europee, tutte in rosso di oltre l’1% venerdì, compresa Londra nell’ultima seduta prima dell’uscita del Regno Unito dall’Unione europea. Nella performance settimanale, la maglia nera del Vecchio Continente va a Francoforte (-4,4%), seguita da Londra (-3,95%), Parigi (-3,6%), Milano (-3%) e Madrid (-2%). Dall’inizio dell’anno Piazza Affari è arretrata dell’1,1% mentre ieri a mettere a tappeto Milano, crollata del 2,3%, ha contribuito l’inatteso calo del Pil italiano nel quarto trimestre del 2019.

Volatili le Borse asiatiche per la paura del coronavirus, sebbene Tokyo abbia chiuso ieri in rialzo (+1%). In diminuzione i prezzi del greggio con il Brent sceso dello 0,2% a 58,16 dollari al barile e il Wti in ribasso dell’1,1% a 51,56 dollari al barile.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: