Marina Militare, arrestato il direttore dell'Arsenale di Taranto

Di associazione per delinquere rispondono gli imprenditori Armando De Comite (indicato come promotore), Angelo Raffaele Ruggiero, Alessandro Di Persio, Fabio Greco, Nicola Pletto, Giovanni Pletto (detto Gianluca), Giona Guardascione e Giacinto Pernisco

Scandalo a Taranto

Taranto - C'è anche il direttore dell'Arsenale militare di Taranto, il contrammiraglio Cristiano Nervi, tra i 12 destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa nell'ambito di una inchiesta per l'aggiudicazione di appalti relativi a lavori di ammodernamento e riparazione di unità navali in dotazione alla Marina Militare di Taranto. Nervi risponde di turbativa d'asta in concorso con alcuni imprenditori.
L'altro ufficiale coinvolto è Antonio Di Molfetta, addetto all'ufficio Servizio Efficienza Navi della Stazione Navale di Taranto, a cui vengono contestate cinque ipotesi di corruzione aggravata, in quanto avrebbe assicurato ad alcuni imprenditori l'affidamento di appalti di servizi ricevendo in cambio utilità. I due dipendenti civili dell'Arsenale militare raggiunti da misura cautelare sono Abele D'Onofrio, assistente amministrativo presso l'Arsenale militare (che risponde di un episodio di corruzione e un episodio di furto in concorso), e Federico Porraro, funzionario amministrativo responsabile della custodia di due magazzini della Direzione di Commissariato della Marina militare di Taranto (accusato di un episodio di corruzione).
Di associazione per delinquere rispondono gli imprenditori Armando De Comite (indicato come promotore), Angelo Raffaele Ruggiero, Alessandro Di Persio, Fabio Greco, Nicola Pletto, Giovanni Pletto (detto Gianluca), Giona Guardascione e Giacinto Pernisco, considerati amministratori di fatto o di diritto delle società Consorzio Navalmeccanico Taranto-Cnt, R.I.T. Srl, Consorzio Chio.Me, Technomont Taranto Srl, Omega Engineering Srl, Siples Srl, Tps Taranto Srl, Comerin Srl, Maren Srl, Mib Srl, Imet Srl, Officine Jolly.

©RIPRODUZIONE RISERVATA