Al Fondo sovrano norvegese il coronavirus costa già 125 miliardi di dollari

Roma - Il Fondo sovrano norvegese, il più grande al mondo, ha perso 125 miliardi di dollari da inizio 2020 a causa del crollo del mercato azionario per il coronavirus. Il 25 marzo, il Fondo deteneva 949 miliardi di dollari, con un calo di quasi il 23% dei suoi investimenti azionari

Roma - Il Fondo sovrano norvegese, il più grande al mondo, ha perso 125 miliardi di dollari da inizio 2020 a causa del crollo del mercato azionario per il coronavirus. Il 25 marzo, il Fondo deteneva 949 miliardi di dollari, con un calo di quasi il 23% dei suoi investimenti azionari, quasi i due terzi delle sue attività. "È un momento speciale per la società, per l'economia e per i mercati" dice  il patron uscente Yngve Slyngstad. Una perdita che non cancella completamente il guadagno di 1.692 miliardi di corone realizzato lo scorso anno, ma altre "fluttuazioni significative" sono attese nelle prossime settimane. Gli investimenti in obbligazioni e immobili, che compongono il resto del portafoglio, hanno registrato rendimenti quasi nulli. Bank of Norway, che sovrintende al Fondo, ha presentato anche il successore di Slyngstad: è Nicolai Tangen, nato nel 1966, fondatore del fondo privato Ako Capital, assumerà le sue nuove funzioni a settembre.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: