Profumo (Leonardo): "L'Italia rispetti i programmi della Difesa europei"

L'ad sottolinea l'importanza di avviare l'operatività dell'Edf nel 2021 e di mantenere il livello di risorse sostenendo i 13 miliardi originari perché l'emergenza ha impattato duramente sulla filiera

L'ad di Leonardo Alessandro Profumo

Roma - Sul fronte dell'industria della Difesa vanno rispettati «tempi» e «livello di bilancio» previsti dalla Commissione europea per l'European Defence Fund. In Senato, in audizione di fronte alla Commissione Difesa sul tema della "Partecipazione italiana ai progetti di Difesa europea", l'ad di Leonardo, Alessandro Profumo, ha sottolineato l'importanza di avviare l'operatività dell'Edf nel 2021 «come previsto» e di mantenere il livello di risorse sostenendo i 13 miliardi «originari» a fronte della nuova proposta di riduzione a 9,08 miliardi nell'ambito del quadro finanziario pluriennale.

Per Profumo è importante, oggi, «che siano confermati i progetti e le iniziative già previste», anche e «soprattutto considerando l'emergenza Covid perché - ha detto - questa è una industria profondamente impattata dalle vicende legate al contagio essendo una attività svolta molto a livello internazionale», che richiede continui contatti diretti che negli ultimi mesi è stato impossibile portare avanti: bisogna oggi far fronte, ha detto il manager, ad un «impatto significativo, che va a impattare su tutta una filiera produttiva che, non solo in Italia, ma in tutta Europa è fatta di molte piccole imprese»

Per Leonardo «la crisi innescata dal Covid deve rappresentare una call to action per le istituzioni europee nel settore della Difesa». Quanto al ruolo dell'Italia, è necessario «destinare adeguate risorse finanziarie a livello nazionale, in modo da rafforzare la partecipazione alle iniziative comunitarie, anche prevedendo un capitolo di spesa dedicato sul bilancio Difesa» ed il nostro Paese «deve impegnarsi per avere una presenza qualificata su tutti i tavoli europei». Serve «sostegno delle istituzioni», perché - ha concluso Profumo - le iniziative europee nel campo della Difesa «rappresentano una grande opportunità per il Paese», guardando a Leonardo come «asset strategico», considerando anche l'ampia filiera produttiva di piccole e medie imprese.

©RIPRODUZIONE RISERVATA