Integrazione africana, la Tunisia in prima linea

Tunisi - La Tunisia ribadisce il suo impegno per l'integrazione africana, basata su una visione globale e progressiva, in cui i cittadini dell'Africa rappresentano una forza attiva nel mondo. Così fanno sapere dal ministero degli Esteri tunisino in occasione della celebrazione del primo anniversario dell'entrata in vigore della zona di libero scambio continentale africana (Afcfta)

Tunisi - La Tunisia ribadisce il suo impegno per l'integrazione africana, basata su una visione globale e progressiva, in cui i cittadini dell'Africa rappresentano una forza attiva nel mondo. Così fanno sapere dal ministero degli Esteri tunisino in occasione della celebrazione del primo anniversario dell'entrata in vigore della zona di libero scambio continentale africana (Afcfta), il cui accordo è stato firmato lo scorso anno al vertice di Niamey, in Niger, rinnovando il suo impegno a sostenere il processo di integrazione che promuoverà una crescita globale e sostenibile del continente africano, favorirà gli investimenti e creerà posti di lavoro per i giovani africani.

La Tunisia elogia l'Unione africana per gli sforzi compiuti per affrontare la crisi del coronavirus, sottolinea il documento, aggiungendo che questa pandemia ha mostrato «la fragilità delle economie di diversi Paesi africani», da qui l'importanza di identificare una strategia globale che consenta ai vari Stati del Continente di superare la stagnazione economica.

La 33esima sessione ordinaria dell'Assemblea dei capi di Stato e di governo dell'Unione africana, tenutasi ad Addis Abeba il 9 e 10 febbraio 2020, ha offerto l'opportunità di esaminare diverse questioni tra le quali la riforma delle istituzioni dell'Unione africana, l'istituzione della zona di libero scambio in Africa, la pace e la sicurezza nel continente e l'elezione di un nuovo presidente dell'Unione africana per l'anno 2020.

L'Afcftasi basa sulla rimozione delle barriere doganali tra gli stati africani, lasciando ogni paese libero di attuare la sua politica commerciale. Il suo obiettivo finale è raddoppiare il commercio intra-africano con un profitto annuo di circa 35 miliardi di dollari entro il 2021.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: