Progetto Gnl3, Saipem presenterà ricorso in Algeria

Roma - Il Tribunale di Algeri si è ieri pronunciato in primo grado nel procedimento penale in corso dal 2019 in Algeria relativamente, tra l'altro, alle modalità di assegnazione nel 2008 del progetto Gnl3 Arzew

Roma - Il Tribunale di Algeri si è ieri pronunciato in primo grado nel procedimento penale in corso dal 2019 in Algeria relativamente, tra l'altro, alle modalità di assegnazione nel 2008 del progetto Gnl3 Arzew. Saipem, Saipem Contracting Algérie e Snamprogetti Algeria impugneranno in appello la decisione di condanna del Tribunale di Algeri con conseguente sospensione degli effetti della stessa. Così fanno sapere dalla società di ingegneria, ricordando che l'autorità giudiziaria italiana, all'esito di un procedimento penale in cui sono state analizzate anche le modalità di assegnazione nel 2008 del progetto Gnl3 Arzew, ha pronunciato il 14 dicembre 2020 sentenza di assoluzione in via definitiva. Con riferimento al procedimento penale oggetto della sentenza del Tribunale di Algeri, le società Saipem, Saipem Contracting Algérie e Snamprogetti Algeria sono state accusate delle fattispecie sanzionate dalla legge algerina in caso di «maggiorazione dei prezzi in occasione dell'aggiudicazione di contratti conclusi con una società pubblica a carattere industriale e commerciale beneficiando dell'autorità o influenza di rappresentanti di tale società» e di «false dichiarazioni doganali».

La sentenza del Tribunale di Algeri di ieri relativamente ad entrambi i capi di accusa ha stabilito a carico di Saipem, Saipem Contracting Algérie e Snamprogetti Algeria un'ammenda e risarcimenti danni per importi complessivamente equivalenti a circa 192 milioni di euro. L'esito della sentenza determinerà la rilevazione nel bilancio al 31 dicembre 2021 di un onere di pari importo, il cui versamento resta, peraltro, sospeso a seguito dell'impugnazione in appello. Il Tribunale di Algeri ha inoltre condannato due ex dipendenti del gruppo Saipem (l'allora responsabile del progetto Gnl3 Arzew e un ex dipendente algerino) rispettivamente a cinque e sei anni di reclusione. Un altro dipendente del gruppo Saipem è stato invece assolto da ogni accusa. Le motivazioni della sentenza non sono ancora state rese disponibili dal Tribunale di Algeri. Per maggiori informazioni sui procedimenti in Algeria nella nota si rinvia alla descrizione dettagliata contenuta nella sezione Contenziosi della Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2021 di Saipem.

©RIPRODUZIONE RISERVATA