Elettrificazione delle banchine, a Genova appalto a Nidec Asi

È stata aggiudicata al raggruppamento temporaneo di imprese Nidec Asi la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori del progetto di elettrificazione delle banchine del porto passeggeri di Genova. Così fanno sapere dall'Autorità di sistema portuale di Genova e Savona

Genova - È stata aggiudicata al raggruppamento temporaneo di imprese Nidec Asi la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori del progetto di elettrificazione delle banchine del porto passeggeri di Genova. Così fanno sapere dall'Autorità di sistema portuale di Genova e Savona: "Il progetto permetterà di migliorare la qualità dell'aria e mitigare l'impatto acustico attraverso la realizzazione di sei accosti che permetteranno alle navi da crociera e ai traghetti di spegnere i generatori di bordo".

L’appalto è stato aggiudicato per 17,7 milioni di euro come di legge sul decreto. L’elettrificazione delle abnchine è uno dei progetti di Genova- e di tutta la portualità italiana - per arrivare a realizzare un porto a emissioni zero. Le navi ferme in sosta nello scalo potranno così allacciarsi alla rete elettrica per alimentare le esigenze di bordo.

Genova non è l’unico porto ad aver ideato e messo a gara l’appalto per la realizzazione del servizio. Anche a Savona l’elettrificazione delle banchine è uno dei perni per la riduzione dell’inquinamento prodotto dalle unità che sono schierate in porto. Rimane per tutti però il nodo della tariffa. Senza la definizione del costo dell’energia che serve alle navi per mantenere le funzioni minime di bordo, il grande progetto di elettrificazione rischia di rimanere incompleto. L’infrastruttura ora dovrà essere realizzata e per gli scali sarà disponibile soprattutto per le navi passeggeri, quelle che attraccano nella zona portuale più vicina alla città. Ma anche nello scalo a Ponente, gestito da Psa, c’è un vasto progetto per la riduzione dell’inquinamento prodotto dalle unità portacontainer attraccate.

©RIPRODUZIONE RISERVATA