Mancano i pezzi dalla Cina, Gm chiude in Corea

Pechino - General Motors annuncia per la prossima settimana la sospensione provvisoria delle attività per la carenza di componenti dalla Cina

Pechino - General Motors annuncia per la prossima settimana la sospensione provvisoria delle attività per la carenza di componenti dalla Cina, dove il blocco degli impianti per limitare la diffusione del coronavirus ha colpito la produzione. Due linee di assemblaggio di Gm Korea di Bupyeong, capace di produrre 400 mila veicoli annui, chiuderà lunedì e martedì prossimi per la mancanza di componenti legate all'elettronica. Le operazioni torneranno alla normalità sulle attese del ritorno al lavoro in Cina.Le operazioni potrebbero riprendere velocemente e tornare alla normalità se le attività produttive in Cina saranno nel frattempo ripartite a ritmo sufficiente. La decisione di Gm segue mosse simili adottate da altre compagnie, tra cui Nissan che a inizio settimana ha annunciato la sospensione dell'impianto nel Kyushu dal 14 al 17 febbraio per la carenza della componentistica cinese. Hyundai Motor e la controllata Kia hanno sospeso la scorsa settimana le operazioni a 5 linee di assemblaggio di Ulsan: la riapertura graduale potrebbe avvenire nei prossimi giorni, sempre che ritornino le forniture dalla Cina.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: