Certificazioni, la Brexit mette Londra fuori gioco: Abs porta a Genova la base per l’attività europea

Genova - È uno degli effetti, in questo caso tutt’altro che indesiderati per l’economia ligure, della Brexit. Abs, storico ente di classificazione americano basato a Houston con oltre 5.500 addetti e 200 sedi nel mondo, ha scelto Genova come base per la certificazione europea con marchio Med di tutta una serie di sistemi ed equipaggiamenti di bordo

di Francesco Ferrari

Genova - È uno degli effetti, in questo caso tutt’altro che indesiderati per l’economia ligure, della Brexit. Abs, storico ente di classificazione americano basato a Houston con oltre 5.500 addetti e 200 sedi nel mondo, ha scelto Genova come base per la certificazione europea con marchio Med di tutta una serie di sistemi ed equipaggiamenti di bordo, ad iniziare da quelli di sicurezza e antincendio di cui sono dotate le navi registrate in Europa, di cui la Gran Bretagna non farà più parte a breve.

L’attività europea, precedentemente basata a Londra, è stata trasferita nel capoluogo ligure al termine di un «accurato processo di valutazione», fanno sapere da Houston: «Credo che abbia vinto la straordinaria connessione che su questo territorio si è consolidata fra cantieri navali, professioni, università e attività industriali dello shipping – racconta Stefano Penco, vice president engineering per l’Europa di Abs – Non è frequente che una città raccolga e coltivi tutte queste attività. Da italiano non posso che dirmi molto orgoglioso della scelta di Abs. In un momento in cui le multinazionali tendono a delocalizzare in Paesi a basso costo, il fatto che Abs abbia investito Genova di questo importante ruolo non può che rendermi orgoglioso».

L’Abs, fondato nel 1862, è presente in Italia dal 1948. Due anni fa i ministeri dei Trasporti e dell’Ambiente hanno riconosciuto Abs come “organismo delegato allo svolgimento di certificazione statutaria per le navi registrate in Italia rientranti nel campo di applicazione delle convenzioni internazionali”.

Un atto non solo formale, che ha consentito ad Abs di rientrare in un mercato dal quale mancava da diversi anni. Con la decisione della casa madre americana di portare a Genova le attività precedentemente svolte dalla sede londinese, questo ruolo è destinato a diventare ancor più pesante: «Abbiamo già assunto i primi ingegneri dedicati all’attività – dice Penco – Devo dire che la qualità della formazione, qui a Genova, è veramente un’eccellenza internazionale. La facoltà di ingegneria navale, in particolare, è capace di fare la differenza, e di questo i nostri colleghi americani di Abs sono consapevoli. Così come si sta dimostrando sempre più importante la tradizione dello shipping, portata avanti con grande passione dall’Accademia della marina mercantile. Oggi Genova rappresenta davvero un’unicità che tutti dovrebbero tutelare».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: