Holland America, mai senza una Rotterdam in flotta

Venezia - Holland America Line, premium brand del gruppo Carnival Corporation & Plc., ha annunciato che la sua nuova ammiraglia, attualmente in costruzione nello stabilimento Fincantieri di Marghera, cambierà nome da Ryndam a Rotterdam (VII). Questo perché, a causa dell’emergenza Covid-19, la compagnia si è vista costretta ad una riorganizzazione della flotta con la cessione di quattro navi tra le quali la vecchia Rotterdam (classe 1997)

di Matteo Martinuzzi

Venezia - Holland America Line, premium brand del gruppo Carnival Corporation & Plc., ha annunciato che la sua nuova ammiraglia, attualmente in costruzione nello stabilimento Fincantieri di Marghera, cambierà nome da Ryndam a Rotterdam (VII). Questo perché, a causa dell’emergenza Covid-19, la compagnia si è vista costretta ad una riorganizzazione della flotta con la cessione di quattro navi tra le quali la vecchia Rotterdam (classe 1997) sempre realizzata da Fincantieri in riva alla Laguna: «La prima nave di Holland America Line è stata la Rotterdam, la società ha infatti avuto sede nella città di Rotterdam per diversi anni e il nome è stato un segno distintivo nella nostra storia fin dal 1872 quindi il nome è potente e simbolico - spiega Gus Antorcha, presidente di Holland America Line -. Con l’attuale Rotterdam in procinto di lasciare la flotta abbiamo deciso di prendere la palla al balzo e di continuare ad avere una nave con lo stesso nome in famiglia. Sette è un numero fortunato e sappiamo che porterà molta gioia e fortuna ai nostri ospiti nel corso dei loro viaggi in tutto il mondo». Insieme all’annuncio del cambio di nome la compagnia battente bandiera olandese ha comunicato che il debutto dell’unità sarà posticipato di circa due mesi, da fine maggio 2021 al 30 luglio 2021, ovviamente anche questo a causa dell’emergenza coronavirus. La nuova nave avrà una stazza lorda di quasi 100 mila tonnellate (ma senza superare la fatidica soglia come da desiderata degli habituè del marchio), una lunghezza di 299,6 metri e potrà ospitare a bordo un massimo di 3.154 passeggeri in circa 1.330 cabine.

Sarà contraddistinta da uno stile moderno e contemporaneo, in armonia con le caratteristiche di classica eleganza, di cui si caratterizzano tutte le navi del brand. A curare la progettazione degli interni un duo formato da prestigiosi studi di architettura, Tihany Design e Yran & Storbraaten. Attualmente in avanzata fase di costruzione nel cantiere veneziano, il suo varo tecnico dovrebbe aver luogo il prossimo autunno. Quindi le lettere saldate allo scafo con il vecchio nome sono già state montate; ma per le maestranze veneziane non sarà un problema fare questa modifica che non comporterà un significativo aggravio di costi.

La nuova Rotterdam debutterà la prossima estate con crociere alla scoperta del Nord Europa e del Mar Baltico in partenza da Amsterdam; ricordiamo che Holland America Line è rappresentata in Italia dalla genovese Gioco Viaggi. Concludiamo con una curiosità, visto che questa sarà la settima nave HAL a portare questo nome. La sesta continuerà a navigare con il nome di Borealis per conto di Fred. Olsen Cruise Line, insieme alla sorella Amsterdam ribattezzata Bolette. Non molti sanno che anche la quinta nave della compagnia a portare questo glorioso nome è ancora in vita. Infatti, il transatlantico classe 1959 (successivamente convertito in nave da crociera) oggi è un prestigioso hotel galleggiante (ma anche ristorante e museo) nella città di Rotterdam, luogo ancora oggi d’immatricolazione delle navi della compagnia.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: