Marittimi bloccati in Cina, il comandante Perino: "Stiamo per tornare in Italia"

Questa notte l'equipaggio è sceso a terra e ora è impegnato con le procedure mediche, anche il test sul Covid-19. "Una volta ricevuti i risultati - ha detto Perino - prenderemo il volo per l'Italia dove arriveremo il 6 febbraio".

Roma - «Noi sette italiani della nave Antonella Lembo siamo sbarcati a terra e faremo tutte le visite mediche e accertamenti. Poi torneremo in Italia». Lo ha detto all'Ansa Gianluca Perino di Termoli, il comandante tra i 7 italiani imbarcati da un anno sulla nave cisterna Antonella Lembo, rimasta al largo del porto cinese di Huanghua a causa della mancata autorizzazione da parte delle autorità cinesi di sbarcare il carico di carbone australiano.

Questa notte l'equipaggio è sceso a terra e ora è impegnato con le procedure mediche, anche il test sul Covid-19. «Una volta ricevuti i risultati - ha proseguito Perino - prenderemo il volo per l'Italia dove arriveremo il 6 febbraio».

Per quanto riguarda l'equipaggio dell'altra nave mercantile italiana bloccata al largo del porto cinese, la Giovanni Bottiglieri, composto da 6 italiani, sbarcheranno la prossima settimana. I marittimi che dovranno dare loro il cambio sono giunti in Cina una settimana più tardi a causa della difficoltà a trovare voli. «Terminata la quarantena - conclude Perino -, dovranno dare il cambio e permetteranno ai sei italiani di sbarcare a terra».

La vicenda del blocco delle due navi italiane vicino al porto cinese aveva visto a fine 2020 l'intervento del Governo italiano.

©RIPRODUZIONE RISERVATA