Bambino affoga nella piscina della nave da crociera

Genova - È successo sulla Genting Dream, in navigazione da Singapore a Phuket. È polemica sull’assenza di bagnini a bordo.

Genova - Hanno provato a rianimarlo a bordo, non appena gli addetti alla piscina sul ponte superiore della Genting Dream si sono accorti che qualcosa non andava. Il bambino è poi morto all’ospedale di Langkawi, dove era stato trasportato con l’elicottero, mentre la nave, partita da Singapore, era diretta verso Phuket in Thailandia. Il bambino aveva 10 anni e nonostante le operazioni di soccorso, è deceduto a causa dell’incidente. La compagnia, secondo quanto raccontano i media asiatici, ha spiegato che i ragazzi con meno di 12 anni d’età, devono essere accompagnati dagli adulti.

È polemica sull’assenza di bagnini a bordo. I giornali asiatici riportano che sulla Genting Dream erano presenti solamente addetti alla piscina. La circostanza è confermata da diversi altri siti di informazione e dopo analoghi episodi del passato, adesso viene chiesta l’introduzione della figura del bagnino sulle navi da crociera. Diverse compagnie hanno già introdotto questo ulteriore elemento di sicurezza.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: