Completate le prove in mare di “Scarlet Lady”

Genova - “Scarlet Lady”, la prima nave da crociera di Virgin Voyages in costruzione nello stabilimento Fincantieri di Sestri-Ponente, ha superato con successo le prove in mare svolte nelle scorse settimane. Si tratta di un passaggio fondamentale nella costruzione di una nave, dove sono state testate le sue prestazioni

di Matteo Martinuzzi

Genova - “Scarlet Lady”, la prima nave da crociera di Virgin Voyages in costruzione nello stabilimento Fincantieri di Sestri-Ponente, ha superato con successo le prove in mare svolte nelle scorse settimane. Si tratta di un passaggio fondamentale nella costruzione di una nave dove sono state testate le sue prestazioni massime. I test, svolti in due fasi (prima le prove preliminari e poi quelle contrattuali) hanno consentito di mettere alla prova motori, impianti e attrezzature e di verificare stabilità, silenziosità e comfort della nave. La nuova “Lady” ha lasciato il cantiere genovese lo scorso 15 novembre per approdare a Marsiglia il 18 successivo. Qui ha sostato in bacino per effettuare il tradizionale carenaggio dello scafo; una volta completati i lavori è risalpata il 27 novembre per effettuare i test decisivi prima del rientro a Genova del 30 novembre.

Visto che il bacino di Palermo era occupato, Fincantieri ha optato per utilizzare gli impianti marsigliesi approfittando del fatto che ormai l’azienda di Bono è socia di Genova Industrie Navali. L’iconico fondatore dell’impero Virgin, Sir Richard Branson, è salito a bordo di “Scarlet Lady” durante i giorni di sosta a Marsiglia per visitare la nave e per dipingere cerimoniosamente la bandiera Virgin sullo scafo dove apparirà il logo Virgin Voyages. Ora le maestranze Fincantieri si concentreranno sulla finitura degli allestimenti interni in vista della consegna della nave prevista per febbraio. Il viaggio inaugurale è invece previsto per il primo aprile da Miami, anticipato da due minicrociere di vernissage il 26 e il 29 marzo. Nel frattempo Virgin attende altre tre navi di questa classe, quindi il carico di lavoro è garantito per i prossimi anni per l’impianto navalmeccanico genovese. Con 1.400 cabine a disposizione per gli ospiti, saranno in grado di ospitare circa 2.700 passeggeri (o “sailor” secondo il termine utilizzato da Virgin) su base doppia, quindi non siamo ai livelli dei giganti di ultima generazione. Ma l’armatore vuole stupire al suo debutto con l’idea dell’offerta turistica del proprio marchio.

Queste navi saranno dedicate solo ad un pubblico adulto, saranno il lugo ideale per concerti e feste notturne e l’offerta culinaria a bordo sarà concentrata solo su ristoranti con servizio al tavolo, in modo da eliminare gli sprechi alimentari dei buffet. L’innovativa linea esterna caratterizzata da una prua verticale è opera della firma di Maurizio Cergol che ha ideato molte delle più fortunate navi realizzate da Fincantieri. Il genovese Erasmo Mortola invece è uno degli architetti che ha contribuito al concepimento degli interni della nave. Il nuovo prototipo inoltre è stato progettato con una particolare attenzione al recupero energetico grazie all’utilizzo di sistemi all’avanguardia nel settore, capaci di ridurre l’impatto ambientale complessivo delle navi. Queste navi sono infatti dotate di un sistema di produzione di energia elettrica da circa un megawatt che utilizza il calore di scarto dei motori a gasolio. Ricordiamo infine che Abb ha ottenuto la commessa per fornire ad ogni nave due Azipod Xo (sistema combinato motore elettrico-timone-elica ruotabile a 360 gradi) da 16 MW ciascuno per una potenza combinata totale di circa 43 mila cavalli. Concludiamo ricordando che a Sestri anche la costruzione in bacino della seconda nave della classe, che porterà il nome di “Valiant Lady”, sta procedendo rapidamente. Quest’ultima debutterà a maggio del 2021 e sarà posizionata nel Mediterraneo Occidentale con base a Barcellona.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: