Tirrenia, conti sequestrati. Sospesi i collegamenti con le Isole

Roma - «I commissari di Tirrenia in amministrazione straordinaria, malgrado Cin abbia più volte comunicato loro in forma scritta la propria disponibilità ad offrire, nei limiti del consentito, garanzie di pagamento di quanto reclamato da Tirrenia in As, in data odierna hanno eseguito un sequestro conservativo sui conti correnti di Cin»

Roma - «I commissari di Tirrenia in amministrazione straordinaria, Gerardo Longobardi, Beniamino Caravita
di Toritto e Stefano Ambrosini, malgrado Cin abbia più volte
comunicato loro in forma scritta la propria disponibilità ad offrire, nei limiti del consentito, garanzie di pagamento di quanto reclamato da Tirrenia in As, in data odierna hanno eseguito, in questo momento così drammatico per il Paese, un sequestro conservativo sui conti correnti di Cin».

Lo comunica la compagnia di navigazione in una nota.
«Teniamo a precisare che la società è liquida ma che di fatto il
blocco dei conti correnti ne impedisce l'operatività», sottolinea «In seguito a quanto sopra l'attività di Cin, compagnia che svolge in convenzione con lo Stato il servizio di continuità territoriale via mare per le isole, è stata paralizzata. Pertanto, con decorrenza immediata, sarà impossibile - informa la compagnia - continuare lo svolgimento di detto servizio e già le corse programmate per oggi su tutte le linee in convenzione con la Sardegna, la Sicilia e le Tremiti non verranno effettuate».

Tirrenia in as vanta un credito complessivo su Tirrenia Cin pari a 155 milioni di euro, prima e seconda rata del pagamento dovuto allo Stato, reso esigibile dopo il recente parere della Commissione europea sulla legittimità degli aiuti di Stato dovuti alla compagnia per la copertura del servizio di continuità territoriale.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: