La storia di Holmes, pianista della Ruby Princess chiuso in cabina da trentadue giorni

Paul Holmes è il pianista della nave da crociera ed ha raccontato alla Bbc come ha trascorso questo mese in quarantena. «Sto abbastanza bene, sono riuscito a comunicare attraverso i social media con molti dei miei cari per fortuna»

Sydney - È chiuso nella sua cabina sulla Ruby Princess, la nave da crociere bloccata al largo di Sidney dalla quale il 19 marzo furono fatte sbarcare quasi 3.000 persone nonostante molte avessero sintomi di coronovirus, ma non perde il buon umore. Paul Holmes è il pianista della nave da crociera ed ha raccontato alla Bbc come ha trascorso questo mese in quarantena. «Sto abbastanza bene, sono riuscito a comunicare attraverso i social media con molti dei miei cari per fortuna», ha raccontato spiegando che l'ambasciata britannica ha avviato dei negoziati per far scendere dalla Ruby Princess lo staff e i passeggeri che si trovano ancora a bordo. «Tuttavia credo che poi dovremo comunque trascorrere un altro periodo in quarantena. Le navi da crociera sono considerate in nemici mortali dei mari....».
Il pianista britannico ha detto di non avere strumenti musicali nella sua cabina ma è comunque riuscito a scaricare musica grazie al suo laptop e a creare con gli altri musicisti a bordo della nave e con la figlia, che vive a Nizza, alcuni file di musica che poi sono stati caricati su Youtube. «Mi sto divertendo, nonostante tutto». Sulla vicenda della Ruby Princess è stata creata una commissione speciale d'inchiesta, in aggiunta all'indagine penale della polizia, per capire come mai 2.700 passeggeri furono fatti sbarcare anche se i risultati dei test del Covid-19 non erano stati ricevuti. Da allora 18 persone sono morte e centinaia di casi in Australia sono stati collegati alla nave.

©RIPRODUZIONE RISERVATA