Msc Fantasia attesa a Genova: il porto ligure è il più ospitale nel periodo Covid-19

A Ponte dei Mille invece sono già ferme da tempo Msc Splendida e Msc Opera. Genova si conferma così la città portuale più ospitale nei confronti delle navi da crociera in questo periodo così difficile per tutto il settore

di Matteo Martinuzzi

Genova - Msc Fantasia torna a casa; la nave di Msc Crociere è in viaggio verso Genova, suo storico home port fin dal suo debutto nel 2008. Quando, alla metà di marzo, la compagnia italo-svizzera aveva annunciato il fermo dell’attività crocieristica era impegnata nella traversata atlantica di rientro dal Sud America verso l’Europa. Si è fermata così a Lisbona, tappa prevista del suo itinerario, e non a Genova, dove avrebbe dovuto concludersi la crociera, perché i porti italiani erano già stati chiusi.

Msc ha identificato nella città portoghese come lo scalo logisticamente più adatto sia per rimpatriare i passeggeri sudamericani che quelli europei (Lisbona era uno dei pochi aeroporti europei ancora in funzione) verso le loro destinazioni. Successivamente è stato rimpatriato gran parte dell’equipaggio. Parliamo di circa 1.300 persone che servono al funzionamento della nave quando questa è in piena attività. La nave ha quindi “atteso” a Lisbona che si creassero le condizioni, rese possibili dall’ultimo decreto, per rientrare a Genova dove verrà posta in disarmo “freddo” (significa che resterà a bordo solo il personale necessario alla gestione tecnica), pronta a riprendere l’attività non appena possibile. Attesa a Genova lunedì, il suo approdo sicuro è stato studiato nel corso di una conference call alla presenza dell'assessore alla Protezione civile della Regione Liguria Giacomo Giampedrone e dei rappresentanti del Dipartimento nazionale della Protezione civile, di Msc, Capitaneria di Porto, Ufficio sanità marittima (USMAF) e Polizia di Frontiera. A bordo si trovano ancora 442 membri dell'equipaggio, 8 dei quali in isolamento. Di questi sette sono risultati positivi asintomatici ai tamponi effettuati quando la nave era attraccata a Lisbona, mentre uno solo risulta sintomatico. Sono tutti in buone condizioni di salute gli altri membri dell'equipaggio che, in via precauzionale, sono stati messi in quarantena nelle proprie cabine dal 16 aprile scorso.

L'assessore Giampedrone ha ricordato che «si tratta tecnicamente di una nave contaminata dal covid a bordo della quale sono state adottate misure molto stringenti per contenere la diffusione del virus. Tra i membri dell'equipaggio ci sono anche 19 italiani. Nelle prossime settimane sarà realizzato il piano di sbarchi protetti che abbiamo predisposto per fare in modo che a bordo rimangano circa 170 persone. D'intesa con il personale dell'USMAF stiamo valutando la possibilità, non appena la nave sarà arrivata a Genova, di trasferire i positivi al covid sulla nave ospedale Spendid, in modo da ridurre al minimo il rischio di contagio per gli altri membri dell'equipaggio». Fortunatamente l’arrivo di una nave mezza vuota non andrà ad apportare particolari criticità al sistema sanitario ligure visto che la situazione degli ospedali cittadini è ormai pienamente sotto controllo. “Fantasia” dovrebbe ormeggiare a Ponte Doria dove fino a qualche giorno fa si trovava Costa Deliziosa. Infatti quest’ultima, dopo essere uscita dal porto oltre le 12 miglia per scaricare le acque nere/grigie, è stata poi trasferita all’ex molo superbacino nell’area delle riparazioni. Ricordiamo che a Ponte dei Mille invece sono già ferme da tempo Msc Splendida e Msc Opera. Genova si conferma così la città portuale più ospitale nei confronti delle navi da crociera in questo periodo così difficile per tutto il settore. Alle quattro navi ormeggiate sotto la Lanterna vanno poi aggiunte Costa Luminosa e Costa Pacifica, ferme rispettivamente a Savona e La Spezia, portando così a sei il totale delle passeggeri che saranno all’ormeggio in Liguria.

©RIPRODUZIONE RISERVATA