Crociere, più vicino il via libera alla ripartenza

Genova - In dieci giorni, massimo 15, potrebbe arrivare il via libera al protocollo d sicurezza che permetterebbe alle crociere di ripartire. Ieri il vertice virtuale della commissione tecnica che aiuta il ministero dei Trasporti a trovare una soluzione, ha stabilito che la base delle nuove regole saranno le disposizioni dell’Imo

di Si. Gal.

Genova - In dieci giorni, massimo 15, potrebbe arrivare il via libera al protocollo d sicurezza che permetterebbe alle crociere di ripartire. Ieri il vertice virtuale della commissione tecnica che aiuta il ministero dei Trasporti a trovare una soluzione, ha stabilito che la base delle nuove regole saranno le disposizioni dell’Imo, l’organizzazione delle Nazioni Unite del settore marittimo che la Capitaneria di porto sta preparando per dare una base a tutte le compagnie.

Il prossimo step ci sarà in una riunione convocata entro pochi giorni, poi toccherà alla Sanità marittima intervenire per stringere ulteriormente le maglie o dare l’ok definitivo. Se tutto andrà come previsto, il via libera sanitario arriverà celermente e si potrà procedere con le prenotazioni per le prime navi che partiranno all’inizio di agosto.

Se ci dovessero essere intoppi non sarà facile per Msc e Costa rispettare la data prevista per la ripartenza. Intanto la compagnia del gruppo Carnival ieri ha spiegato che alcune navi della flotta si stanno spostando dai porti in cui erano rimaste bloccate per la pandemia: «Per ottimizzare la gestione della propria flotta in questo periodo di pausa, Costa Crociere sta provvedendo a riposizionare alcune delle sue navi attualmente ferme nei porti. Tra di esse "Costa Luminosa", che ha lasciato il porto di Savona per dirigersi verso La Spezia, e "Costa Deliziosa", partita da Genova alla volta di Civitavecchia».

Sul fronte traghetti invece il governatore sardo Solinas ieri ha convocato le compagnie accusate di aver rincarato le tariffe. Il gruppo Onorato (Moby, che ha messo in servizio le due navi ammiraglie a Genova, e Tirrenia) ha spiegato che per questa stagione turistica l’offerta prevede tariffe medie di circa il 30% più basse rispetto all'anno scorso. Alla riunione erano presenti cinque compagnie (Tirrenia e Moby del gruppo Onorato, Grimaldi Lines, Gnv e Sardinia Corsica Ferries) e tutte hanno respinto l’accusa di aver alzato i prezzi. Solinas ha accennato anche all’eventualità di un bonus, a carico della Regione, per contenere i prezzi dei biglietti delle navi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: