Crociere, quell'incapacità di decidere che rischia di affossare il mercato / IL COMMENTO

La pandemia ha colpito al cuore il settore crocieristico. Le notizie che rimbalzano da Miami, capitale mondiale del business crocieristico, sono drammatiche. Decine di ammiraglie all’ancora, migliaia di licenziamenti, vendita o rottamazione delle navi più vecchie e meno efficienti, cancellazione di tutte le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria, posticipo nelle consegne

di Giorgio Carozzi

Autorizzare la ripresa dell’attività crocieristica di Msc e Costa circoscritta al Mediterraneo, con scali in numerosi porti italiani, lungo tutte le coste della penisola. Partenza delle navi prevista da metà agosto da Genova e Savona. In assoluta sicurezza per i passeggeri, gli equipaggi e il territorio, grazie ad un rigoroso protocollo anti-Covid predisposto da scienziati ed esperti mondiali. Per una volta uniti nell’affrontare i problemi devastanti che stanno inchiodando le grandi multinazionali marittime e mettendo al tappeto l’economia legata alle vacanze sul mare, i rappresentanti degli armatori italiani scrivono e si rivolgono direttamente al premier Conte. Per sottrarsi ai lacci della burocrazia e spazzare via resistenze e timori diffusi soprattutto negli ambienti del ministero della Salute: l’estremo e accorato appello per tentare di salvare non solo una stagione quanto un futuro che resta comunque tutto da ricostruire. E’ questo il senso dei contatti incrociati e serrati tra Ginevra, Genova e Roma, intorno ai quali si gioca in queste ore il destino di una fetta abbondante dell’economia nazionale: 14 miliardi di euro di fatturato, 120 mila posti di lavoro, salari per 3,9 miliardi di euro, una spesa diretta di 5,4 miliardi oltre al coinvolgimento e le ricadute sull’industria cantieristica italiana.

La pandemia ha colpito al cuore il settore crocieristico. Le notizie che rimbalzano da Miami, capitale mondiale del business crocieristico, sono drammatiche. Decine di ammiraglie all’ancora, migliaia di licenziamenti, vendita o rottamazione delle navi più vecchie e meno efficienti, cancellazione di tutte le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria, posticipo nelle consegne delle navi nuove costruite in Europa. Msc e Costa stanno invece resistendo in trincea, anche se a fronte degli enormi costi aziendali non corrispondono entrate. I due gruppi che hanno casa in Liguria conservano tutti i contratti di lavoro a tempo indeterminato attivi al momento dell’insorgenza della pandemia, ricorrendo al lavoro da remoto e a una parziale cassa integrazione. Ma il blocco totale dell’industria crocieristica coinvolge anche i terminal portuali, i fornitori di bordo, le agenzie di viaggio, i vettori incaricati dei trasferimenti a terra, gli operatori delle escursioni. La svolta di metà agosto, spiegano gli armatori al premier Conte, ha il senso di una ripresa che riesce a coniugare sicurezza, salute e lavoro. La sola Msc Crociere imbarcherebbe oltre mille marittimi italiani a bordo delle due navi che la compagnia ha progettato di far partire in agosto. Quindi la riapertura garantirebbe immediata occupazione per dipendenti che oggi sono di fatto senza lavoro, con relativo beneficio per le loro famiglie e la comunità.

Del resto negli anni, proprio per la loro stessa natura, le navi da crociera sono sempre state all'avanguardia nel prevenire la diffusione dei virus a bordo. E in questi mesi Msc ha messo a punto un proprio protocollo che va oltre le linee guida nazionali e internazionali e si preoccupa di proteggere gli equipaggi e i passeggeri, dal momento della prenotazione fino al ritorno nelle proprie abitazioni. Il modello è pensato anche per la realizzazione di escursioni “protette”, per garantire la sicurezza dei passeggeri e delle comunità locali interessate dalla visita dei turisti. Il Covid ha ribaltato il pianeta. Continuare – con buona dose di disinformazione – a demonizzare o a temere un settore fonte di produttività, redditi e lavoro non sembra certo una scelta opportuna per tentare di risollevare l’economia ligure e italiana.

©RIPRODUZIONE RISERVATA