Cunard saluta tutti e dà appuntamento al 2021

Monfalcone - Cunard Line ha alzato bandiera bianca per quest’anno e ha ufficialmente annunciato che riprenderà le crociere appena alla fine di marzo del prossimo anno; per allora lo storico brand premium del gruppo Carnival avrà già scontato oltre un anno di fermo delle tre navi della flotta. Nessuno avrebbe immaginato che a causa della pandemia in corso lo stop sarebbe perdurato così tanto per alcuni

di Matteo Martinuzzi

Monfalcone - Cunard Line ha alzato bandiera bianca per quest’anno e ha ufficialmente annunciato che riprenderà le crociere appena alla fine di marzo del prossimo anno; per allora lo storico brand premium del gruppo Carnival avrà già scontato oltre un anno di fermo delle tre navi della flotta. Quando a metà del marzo scorso tutte le compagnie crocieristiche hanno annunciato in pochi giorni la sospensione delle attività, nessuno avrebbe immaginato che a causa della pandemia in corso questo stop sarebbe perdurato così tanto per alcuni. Ma veniamo ai dettagli di quanto comunicato dalla compagnia inglese: le crociere saranno sospese fino al 25 marzo 2021 per "Queen Elizabeth", fino al 18 aprile per "Queel Mary 2" e fino al 16 maggio 2021 per "Queen Victoria": «Siamo molto dispiaciuti per tutti gli ospiti interessati dalle nuove cancellazioni e per la delusione che questa nuova e sofferta decisione causerà in molti di loro. Dopo un’attenta considerazione e una revisione delle ultime indicazioni abbiamo ritenuto che sarebbe stato insensato riprendere le attività a breve termine secondo la nostra attuale programmazione, ecco perché abbiamo deciso di rivederla» dice Simon Palethrope, presidente di Cunard.

Nelle scorse settimane la compagnia ha riposizionato Qe da Manila (dove aveva scaricato i membri dell’equipaggio filippini) a Weymouth, con la speranza di poter riprendere in maniera graduale le attività. Ma data l’incertezza sulla riapertura dei porti e dei paesi alle navi da crociera e ai turisti si è vista costretta a cancellarne l’intera programmazione fino al 25 marzo 2021 e i viaggi dal 26 marzo al 13 dicembre già annunciati e che avrebbero toccato Australia, Giappone ed Alaska. La nave realizzata da Fincantieri nel 2010 dovrebbe riprendere servizio a partire dal prossimo 26 marzo con crociere europee più brevi, da tre a 14 giorni, in partenza da Southampton e Barcellona. Questi viaggi includeranno la costa occidentale dell’Irlanda, le isole scozzesi, la Norvegia, la costa iberica, crociere brevi verso Amsterdam e il Mediterraneo.

L’apertura delle prenotazioni avverrà il prossimo 29 settembre. Cunard ha inoltre comunicato che il giro del mondo 2021 di QM2 è stato cancellato e verrà riproposto nel 2022, con una crociera di 104 giorni che sostituirà le partenze programmate dal 3 gennaio al 3 aprile 2022, incluso il viaggio in Sudamerica: «L’attuale incertezza, la complessità del nostro viaggio programmato in giro per il mondo, il nostro mix internazionale di ospiti in visita in molti paesi e continenti, ognuno con le proprie regole di viaggio in evoluzione, sono fattori che hanno pesato sulla nostra decisione» ricorda il presidente di Cunard, Simon Palethorpe. Il giro del mondo 2022 partirà da Southampton e visiterà Grecia, Dubai, Sri Lanka, Singapore, Vietnam, Hong Kong, Australia, Bali, Abu Dhabi, Oman, Italia e Portogallo e sarà aperto alle vendite dal prossimo 8 settembre. Questa decisione di Cunard sarà seguita probabilmente anche da altri per quel che riguarda i giri del mondo che partiranno all’inizio del prossimo anno.

Questo è già avvenuto con Princess Cruises che ha cancellato il viaggio intorno al globo di Island Princess e quello del Sud America in partenza dall’Australia della piccola Pacific Princess. Continua quindi il periodo di sofferenza dell’intero comparto crocieristico, con solo poche eccezioni come la ripresa dei viaggi di Msc Crociere, Costa Crociere, Tui Cruises e Dream Cruises.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: