Gnv, certificazione notazione Ship Biosafe anche per la "Superba"

Genova - La nave "Superba" torna sulle storiche linee di collegamento con la Sardegna, dopo aver ottenuto la notazione addizionale di classe Ship Biosafe dal Rina

Genova - La nave "Superba" torna sulle storiche linee di collegamento con la Sardegna, dopo aver ottenuto la notazione addizionale di classe Ship Biosafe dal Rina: la notazione, molto articolata da conseguire, certifica che la nave è dotata di sistemi, componenti, configurazione interna e procedure operative che mitigano il rischio biologico. Con 567 cabine, 37 suite, tavola calda, ristoranti, negozi e ampi spazi di bordo, la "Superba" è tra i più grandi traghetti passeggeri in servizio nel Mediterraneo, e uno dei più grandi al mondo, insieme alla nave gemella, la "Suprema". Lo scorso 1 settembre il Rina ha effettuato la visita di controllo e rigorosi controlli a bordo nave, a seguito dei quali la "Superba" è risultata idonea a ricevere la notazione addizionale di classe Ship Biosafe per le sue caratteristiche costruttive, e per le azioni messe in atto da Gnv come l’organizzazione degli spazi, i controlli sanitari a bordo, le procedure in caso di rischi biologici, la formazione per i marittimi a bordo e un piano di investimenti ad hoc per la gestione di possibili infezioni con l’obiettivo di contribuire a prevenire e mitigare possibili contagi.

Con il diffondersi del coronavirus, Gnv ha messo in campo fin da subito procedure mirate per la sanificazione e il distanziamento sociale a bordo, nelle biglietterie e negli uffici: a maggio infatti la compagnia si è dotata della Carta dei Servizi di Sicurezza, redatta sulla base dell’esperienza unica acquisita con il progetto nave-ospedale di Genova per l’emergenza Covid-19, allestita su specifiche indicazioni delle autorità sanitarie. La notazione si inquadra in una più ampia certificazione relativa al sistema di gestione: grazie alle competenze acquisite in materia di misure di prevenzione e contenimento del contagio, formazione degli equipaggi circa la prevenzione dei rischi e la gestione di eventuali casi sintomatici, Gnv ha ottenuto infatti a giugno 2020 la Biosafety Trust Certification.

Questo schema di certificazione è stato implementato dal Rina, che verifica con rigorosi audit periodici l’applicazione dei sistemi di gestione volti a prevenire l’insorgere di infezioni batteriche e virali, ma anche mirati a contenerne la diffusione nel caso si riscontrasse un caso durante l’esperienza di viaggio, rendendo la permanenza presso le sedi di terra o a bordo sicura per i passeggeri, i dipendenti e l’equipaggio. La Carta dei Servizi e la Biosafety Trust Certification formano dunque un sistema coordinato di prevenzione e gestione dei rischi di contagio, in linea con lo standard di gestione della sicurezza Ohsas 18001 e il protocollo di gestione dell’igiene Haccp. Con l’aggiunta della notazione di classe addizionale del Rina sulla "Superba", Gnv dimostra di aver messo in atto un approccio a 360 gradi per la mitigazione del rischio biologico.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: