Crociere, i dati della ripartenza in Italia: passeggeri +325% sul 2020

Nel triennio 2022-2024 sono in programma in Italia oltre 821 milioni di investimenti portuali sulla crocieristica, di cui 258 milioni nell'area delle infrastrutture (31,4%)

La Msc Seaview a Genova

Genova - La riscossa delle crociere in Italia nel 2021 rispetto al terribile 2020 che aveva segnato lo stop causa Covid è nei numeri: 2.740.000 passeggeri movimentati a fine anno, il 325% in più dei 645 mila dell'anno scorso, oltre il quadruplo, e il 293% in più delle toccate nave. I dati sono stati illustrati alla presentazione della decima edizione dell'Italian cruise day ideato da Risposte Turismo, che si terrà a Savona il 29 ottobre.

I numeri raccontano l'avvio della ripresa, anche se il record di 12 milioni di passeggeri del 2019 resta lontanissimo. Il traffico crociere in Italia è tornato ai livelli di 20 anni fa, nel 2001 dopo la caduta l'anno scorso ai valori del 1993. Sul podio si conferma Civitavecchia, con 547.810 passeggeri (+165% rispetto al 2020) e 282 toccate nave (+232%), seguita da Genova con 460 mila passeggeri (+251%) e 147 toccate (206%) e Palermo a 300 mila passeggeri (+299%) e 101 toccate (+197%). La Liguria guida la classifica delle regioni con 751.802 passeggeri movimentati (+188,4%) e 272 toccate nave, seguita da Lazio (548.153 passeggeri, +167,4%) e Sicilia (497.529, +401,5%) al primo posto per accosti (300).

Nel triennio 2022-2024 sono in programma in Italia oltre 821 milioni di investimenti portuali sulla crocieristica, di cui 258 milioni nell'area delle infrastrutture (31,4%), 231 milioni per interventi di dragaggio (28,2%) e 210 milioni per nuove strutture e terminal crociere (25,7%). E per la prima volta superano la doppia cifra sul totale gli investimenti specifici legati alle tematiche ambientali (oltre 107 milioni, il 13,1%) mentre pesano meno del 2% le altre voci. Sono i primi dati di Italian Cruise Watch 2021 comunicati oggi in anteprima. Per quanto riguarda le infrastrutture si tratta della realizzazione di nuovi terminal crociere come a Messina, ad esempio, o di rifacimenti e ammodernamenti di strutture già esistenti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA