L’Europa fa pagare i fumi dei traghetti. Il costo sarà di 30 euro per passeggero

Assarmatori: “Con le nuove norme, rischio rincari del 70% per un posto ponte”. Biglietto via via più salato fino al 2026

Auto in attesa di imbarco su un traghetto

di Alberto Quarati

Genova – È in arrivo, complici le norme europee e internazionali sulla decarbonizzazione del settore, una stangata sui costi operativi dei traghetti - con inevitabili ricarichi sul prezzo del biglietto: questa è la tesi di Assarmatori, che ieri ha presentato uno studio per fare il punto sugli obiettivi posti dall’Organizzazione marittima internazionale (Imo) e dal pacchetto europeo - ancora in fase di approvazione - Fit for 55.

In particolare, il costo delle nuove misure potrebbe arrivare a rappresentare un aumento del 70% del costo di un passaggio ponte (42,9 euro il prezzo medio di lunedì sulla rotta dai porti del Continente e quelli del Nord Sardegna). Almeno 30 euro a biglietto, a prezzo costante del carburante (che però è già passato dai 400 euro a tonnellata pre-pandemia agli attuali 1.000 euro).

CONTINUA A LEGGERE QUI

©RIPRODUZIONE RISERVATA