In evidenza
Blue Economy
Shipping
Transport
Blog

Norwegian Cruise Line, buona la "Prima" / REPORTAGE

La "Norwegian Prima" è la nuovissima nave consegnata da Fincantieri nel suo stabilimento di Venezia-Marghera alla fine del luglio scorso. Noi abbiamo avuto la possibilità di provarla in crociera nei Fiordi norvegesi per una settimana

Matteo Martinuzzi
2 minuti di lettura

Copenaghen - La "Norwegian Prima" è la nuovissima nave consegnata da Fincantieri nel suo stabilimento di Venezia-Marghera alla fine del luglio scorso. Noi abbiamo avuto la possibilità di provarla in crociera nei Fiordi norvegesi per una settimana. La curiosità era tanta per vedere com’era vivere una nave concepita principalmente per i climi caldi in un itinerario dove il freddo e il cattivo tempo possono essere di casa. L’imbarco è avvenuto a Copenhagen e soste tutte in Norvegia ad Olso, Kristiansand, Bergen, Geiranger e Alesund con sbarco finale ad Amsterdam. Purtroppo il maltempo ha colpito le coste norvegesi in quei giorni e la nave ha dovuto saltare lo scalo di Bergen a causa del vento forte e a Geiranger la pioggia incessante ha bagnato i crocieristici per tutta la giornata.

Quindi con questo clima è stato naturale dedicarsi soprattutto alla scoperta di “Prima” e delle sue caratteristiche. Sentirsi coccolati da tutto l’equipaggio mentre fuori il maltempo imperversa è sempre una bella sensazione. Vediamo di scoprire le caratteristiche di questo gioiello del made In Italy, prima nave di Norwegian Cruise Line costruita nel nostro Paese. Ma cos’ha di speciale “Prima”? A detta del costruttore è stato il prototipo più complicato da realizzare negli ultimi anni viste tutte le innovazioni tecnologiche applicate. Esternamente la nave si presenta con una linea molto particolare con una prua invertita e quasi priva di bulbo e con una sovrastruttura larga a prua-centro nave e stretta a poppa in modo da lasciare molto spazio alla passeggiata all’aperto al Ponte 8 che diventa il centro della vita sociale e balneare a bordo.

La sala macchine è spostata verso prua e questo si nota dalla posizione avanzata del fumaiolo che ha attorcigliata sul suo asse la pista da go-kart che copre l’altezza di tre ponti. L’ottimale sfruttamento degli spazi ci ha stupito e soprattutto l’efficienza idrodinamica ci ha permesso di superare indenni la furia del Mare del Nord! Ma vediamo i suoi numeri: ha una stazza lorda di 143 mila tonnellate, è lunga fuori tutto 294 metri, larga 40,5 metri e ha un pescaggio di 8,7 metri. E’ in grado di ospitare su base doppia 3.219 persone. Quindi non parliamo di un gigante del settore, ma di una nave di dimensioni in grado di operare dove navi più grandi hanno maggiori difficoltà. E’ stata concepita per offrire all’ospite le migliori esperienze del concetto di crociera freestyle, marchio di fabbrica di Ncl dove non ci sono turni di cena, dress code e l’eccellenza culinaria è il biglietto da visita della compagnia.

Infatti sono presenti a bordo 20 opzioni di ristorazione, comprese quelle incluse nel prezzo base della crociera, come il buffet, due ristoranti principali ed infine l’Indulge Food Hall. Si tratta di un locale molto ben strutturato con chioschi etnici dove dai tavoli si può ordinare tutto tramite comodi tablet vedendo anche le foto delle pietanze.Finalmente qualcosa di veramente originale. Per il resto i ristoranti di specialità sempre un’eccellenza da provare e per noi italiani tanta buona pasta sia nei ristoranti ad accesso libero che in quello italiano (Onda by Scarpetta). Non va dimenticata l’area Vip “The Heaven” che occupa gli ultimi cinque ponti poppieri e che dispone di salone, ristorante ed una spettacolare piscina a sfioro all’estrema poppa. Un’ultima citazione va fatta anche per il centro benessere, probabilmente il migliore realizzato finora su una nave da crociera. La cosa più divertente fatta a bordo? Sicuramente provare i go kart elettrici sulla più accattivante pista sul mare finora ideata da Ncl.

 

 

I commenti dei lettori