In evidenza
Blue Economy
Shipping
Transport
Blog
Partenza sabato da Trieste oppure l’11 gennaio da Savona

“Costa Deliziosa”, giro del mondo in 128 giorni

Con il nuovo anno torna anche la crociera Costa più amata dagli appassionati di grandi viaggi: il Giro del Mondo. Costa è stata tra le prime compagnie a proporre questo viaggio, sin dagli anni Settanta, e per l’edizione 2023 del suo Giro del Mondo ha pensato a un itinerario speciale

2 minuti di lettura

La "Costa Deliziosa"

 

Genova – Con il nuovo anno torna anche la crociera Costa più amata dagli appassionati di grandi viaggi: il Giro del Mondo. Costa è stata tra le prime compagnie a proporre questo viaggio, sin dagli anni Settanta, e per l’edizione 2023 del suo Giro del Mondo ha pensato a un itinerario speciale.

Partenza da Trieste il 6 gennaio, oppure da Savona l’11 gennaio 2023, a bordo della “Costa Deliziosa”, e rientro il 13 maggio 2023, per un viaggio indimenticabile di 128 giorni. Dal Mediterraneo alla penisola Arabica, navigando verso Est sino all’India e alle Maldive, per poi fare rotta a Sud, in Madagascar e Sud Africa, e attraversare l’Oceano Atlantico sino al Brasile.

Quindi, di nuovo diretti a Sud, verso Ushuaia, in Argentina, la punta estrema del continente, navigando nel Canale di Beagle e risalendo lungo il versante pacifico, dal Cile sino a Panama, visitando il Centro America e New York, per poi rientrare in Europa.

In totale, 52 destinazioni da scoprire in quattro continenti, attraversando tre oceani. Per i viaggiatori, un’esperienza di quasi quattro mesi, incontrando culture e paesaggi. Per coloro che avessero perso l’opportunità quest’anno, la “Costa Deliziosa” proporrà il Giro del Mondo anche nel 2024, con partenza prevista il 6 gennaio 2024.

Inoltre, nelle prossime settimane sarà disponibile per la prenotazione anche il Giro del Mondo 2025, che circumnavigherà il globo prevalentemente nell’emisfero australe, visitando Terra del Fuoco, Polinesia, Nuova Zelanda, Australia e Sud Africa.

Per la prima volta la partenza sarà a inizio dicembre, quindi del 2024, da Savona, per celebrare le feste natalizie in crociera. La notte di Capodanno sarà a Rio de Janeiro, con lo spettacolo dei fuochi d'artificio dalla spiaggia di Copacabana.

Sono circa 2.000 i passeggeri che hanno prenotato una cabina sul Giro del Mondo 2023. Provengono da 40 Paesi diversi, con una prevalenza di francesi (circa 500), italiani e tedeschi (rispettivamente circa 360 e circa 340), svizzeri (circa 160), spagnoli (circa 140) e austriaci (poco meno di 100).

Il viaggiatore più longevo, francese, ha 94 anni, mentre il più giovane è austriaco, di sei anni. A bordo della “Costa Deliziosa” il programma di intrattenimento sarà caratterizzato in base alle destinazioni, per offrire sempre un tocco locale.

Tra le feste previste, oltre ai grandi classici come la Notte Bianca o la Notte in Maschera, anche la Serata Bollywood, la Festa Tropicale, il Brasilian Party e la Notte Araba. L’itinerario del Giro del Mondo 2023 comprende destinazioni come Cipro, Israele, Giordania, India, Maldive, Seychelles, Madagascar, Reunion, Sud Africa, Namibia, isola di Sant’Elena, Brasile, Terra del Fuoco, Cile, Perù, Ecuador, Panama, Costa Rica, Honduras, Messico, Stati Uniti, isole Azzorre e Marocco.

La particolarità di questa crociera sarà inoltre la possibilità di effettuare scali di più giorni in parecchie delle destinazioni visitate, come Mumbai, Malè, Gqeberha-Port Elizabeth e Città del Capo, Rio de Janeiro, Buenos Aires e Ushuaia, Santiago del Cile, Colon, New York, Lisbona e Isole Azzorre.

Gli ospiti potranno approfittare del programma di escursioni proposte dalla compagnia per vivere momenti unici anche a terra. Ad esempio, la visita al Taj Mahal ad Agra; il parco di Ivoloina in Madagascar dove incontrare i lemuri; il tour per i ghiacci del Perito Moreno a ridosso delle Pampas, e il Parco Nazionale Torres del Paine, a Ushuaia; il giro in funivia sulle Table Mountain, a Città del Capo; il giro in elicottero nei cieli di Rio de Janeiro; la visita di tre giorni alle isole Galapagos, o la camminata sul ponte di Brooklyn, a New York.

I commenti dei lettori