Moving trade together: il nuovo sito www.fedespedi.it, una nuova immagine

Fedespedi ha deciso di avviare nel 2019 un percorso di potenziamento della propria presenza online, affidando al gruppo Fedespedi Giovani la progettazione di un nuovo sito ufficiale

Genova - In uno scenario globale complesso e in rapido mutamento - sotto il profilo economico, politico, sociale - la qualità delle relazioni con i propri stakeholder e la capacità di innovarsi diventano per un’organizzazione valori fondamentali per mantenere un’identità pubblica forte. Fedespedi, nel suo ruolo di associazione di rappresentanza, è chiamata oggi a investire sulla comunicazione con un approccio integrato e di sistema, per costruire, insieme al network di Confetra, una narrazione efficace e unitaria di un settore, quello della logistica e delle spedizioni internazionali, ancora poco conosciuto, poco studiato e poco compreso da business community, decisori istituzionali e opinione pubblica italiani.

Per questo Fedespedi ha deciso di avviare nel 2019 un percorso di potenziamento della propria presenza online, affidando al gruppo Fedespedi Giovani la progettazione di un nuovo sito ufficiale che diventasse l’hub attorno al quale far ruotare tutta la comunicazione e il capitale relazionale della Federazione. Questo progetto oggi vede la luce. È infatti online il nuovo sito www.fedespedi.it, che risponde a due esigenze principali: ottenere un alto impatto visivo ed emozionale, senza perdere di vista funzionalità e semplicità di navigazione.
Da segnalare, la sezione Media, con comunicati stampa, foto e video della Federazione, Centro Studi, con tutte le analisi pubblicate dal Centro Studi Fedespedi, e il link alla nuova pagina LinkedIn ufficiale che dopo 4 mesi di attività può già contare su una comunità di follower attiva e numerosa. Tutta la ricchezza di contenuti proposta nel nuovo sito ha trovato sintesi in tre parole che ben rappresentano la categoria degli spedizionieri, veri motori del commercio internazionale e dell’export made in Italy: moving trade together.

Buona navigazione.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: