Becce attacca la "fronda": "Da Legora De Feo parole gravi sul Calp. Sono io a chiedere le sue dimissioni"

Genova - Volano gli stracci nelle categorie dello shipping. Il presidente di Assiterminal risponde al vice: "Deve ancora imparare cosa sia un'associazione".

Genova - "Il vice presidente, cooptato dal sottoscritto perchè non eletto dall'assemblea degli associati, deve imparare cosa è una associazione". Luca Becce non ci sta e risponde a muso duro alla lettera inviata dal vice presidente Pasquale Legora de Feo, in cui nella sostanza si chiedevano le dimissioni del numero uno dopo le posizioni espresse a favore dell'emendamento Psa Sech sul Secolo XIX/TheMeditelegraph. "La lettera indirizzata a me personalmente è stata consegnata alla stampa prima di poterla leggere: è un fatto di una gravità inaudita - dcie ancora Becce - Ribadisco che la mi posizione sull'emendamento ha attraversato diverse presidenze di Assiterminal e che è contenuta nella mia presentazione del programma del primo mandato, organizzata a Savona nel 2017. Oggettivamente con la cancellazione di quella norma si muoverebbero interessi di una intera categoria, liberandola così da un vincolo non più sostenbile. Lo stesso gruppo di Legora De Feo in anni passati ha prodotto ricorsi, impugnazioni e atti amministativi, che ne sostenenvano la non applicabilità. Come è avvenuto la sentenza Bettolo del 2012".

Becce attacca anche sul riferimento all'interruzione delal trattativa sul contratot nazionale dopo lo scontro con il Calp. "La posizione espressa da Legora sul contratto collettivo nazionale è senza precedenti e rischia di produrre danni all'intera categoria. E' gravissimo" dice il presidente. "La trattativa è ancora aperta e questa uscita non ci aiuta a sostenere le posizioni dei terminalisti. Quell'interruzione del tavolo peraltro era stata approvata da tutto il direttivo"

Le risulta che la "fronda" sia composta da venti terminalisti dell'associazione? "Mah...non credo proprio" dice Becce. 

Nella lettera, in sostanza, si chiedono le sue dimissioni. "Bene. Io chiedo quelle di Legora. Se questo è il modo di stare in associazione...l'ho cooptato io nel direttivo, non era nemmeno stato eletto".

©RIPRODUZIONE RISERVATA