Pechino: "Aumentati i controlli sui marittimi in ingresso nel Paese"

Entro fine maggi, circa 10.000 membri cinesi degli equipaggi sbarcheranno dalle navi, "quindi dovranno essere adottate misure precise per rafforzare il controllo e la prevenzione dell'epidemia durante i loro cambi di turno"

Controlli all'ingresso di una nave

Pechino - Il ministero dei Trasporti cinese ha dichiarato che adotterà politiche più rigorose in relazione agli equipaggi presenti sulle navi internazionali, come parte degli sforzi del Paese per prevenire casi importati di nuovo coronavirus. Yang Xinzhai, un funzionario del ministero dei Trasporti, ha detto che il contenimento delle infezioni importate dai marittimi è stato un punto focale dei loro sforzi contro il virus. Dalla fine di gennaio la Cina ha infatti sospeso tutte le linee di crociera internazionali in partenza dai porti della Cina continentale.

Yang ha detto che entro fine maggio, circa 10.000 membri cinesi degli equipaggi sbarcheranno dalle navi, quindi dovranno essere adottate misure precise per rafforzare il controllo e la prevenzione dell'epidemia durante i loro cambi di turno. I membri degli equipaggi delle imbarcazioni che hanno navigato per più di 14 giorni e che non mostrano sintomi prima dell'arrivo saranno autorizzati a scendere a terra, mentre quelli con intervalli di tempo inferiori a 14 giorni saranno tenuti in quarantena per ulteriori osservazioni. Yang ha aggiunto che ai marinai stranieri che hanno navigato attraverso Paesi o regioni con una grave situazione epidemica negli ultimi 14 giorni non sarà concesso l'ingresso nei porti in conformità con le relative politiche.

©RIPRODUZIONE RISERVATA