I cantieri navali Sanlorenzo sbarcano a Piazza Affari

Milano - Il controvalore complessivo dell’operazione, che riguardava 4,5 milioni di titoli di nuova emissione e 7,6 milioni di titoli posti in vendita dall’azionista venditore Holding Happy, risulta pari a 193,6 milioni di euro inclusa l’opzione greenshoe.

Milano - Dopo lo stop alla quotazione annunciato a metà ottobre da Ferretti, motivato dal deterioramento delle condizioni dei mercati finanziari, un altro player del settore degli yacht si prepara a sbarcare in Borsa. Si tratta dei cantieri navali Sanlorenzo, “boutique” della nautica con una produzione limitata di poche unità all’anno, progettate secondo le richieste, lo stile e di desideri di ogni singolo armatore, che ha annunciato la conclusione con successo dell’offerta riservata agli investitori istituzionali finalizzata all’approdo sul segmento Star. Il controvalore complessivo dell’operazione, che riguardava 4,5 milioni di titoli di nuova emissione e 7,6 milioni di titoli posti in vendita dall’azionista venditore Holding Happy, risulta pari a 193,6 milioni di euro inclusa l’opzione greenshoe, con la capitalizzazione di Sanlorenzo che si attesta quindi a 552 milioni di euro, comprensivi dell’aumento di capitale di 72 milioni di euro.

L’Ipo, spiega l’azienda fondata nel 1958 da Gianfranco Cecchi e Giuliano Pecchia, e la cui sede principale è situata ad Ameglia, nel parco naturale di Montemarcello-Magra in provincia della Spezia, ha riscontrato un forte interesse presso la comunità finanziaria nazionale e internazionale, con una richiesta al prezzo di offerta per un controvalore di circa 290 milioni di euro. La domanda è giunta per circa due terzi da investitori esteri e per circa un terzo da italiani. In caso di esercizio integrale dell’opzione greenshoe, il flottante sarà pari al 35,1% del capitale sociale, con Holding Happy Life che deterrà poco più di 20,7 milioni di azioni, corrispondenti a una quota di circa il 60%.
La data di inizio delle negoziazioni, previa verifica da parte di Borsa Italiana dei requisiti di diffusione tra il pubblico, è prevista per il prossimo martedì 10 dicembre.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: