Cantieri navali, l'Europa congela il dossier sulla fusione Hyundai-Daewoo

Hyundai e Daewoo sono leader nei settori grandi navi portacontainer, cisterne, navi per il trasporto gas naturale liquefatto e gas di petrolio liquefatto, e alcune compagnie di navigazione europee sono tra i loro maggiori clienti

Bruxelles - L’Autorità sulla concorrenza dell'Ue ha interrotto l’indagine sul gruppo di costruzione navale numero 1 al mondo Hyundai Heavy Industries a proposito della maxi fusione da 1,8 miliardi di dollari con il concorrente con Daewoo “in attesa che le società forniscano informazioni”. La Commissione europea ha dichiarato di aver sospeso il dossier mercoledì. "Quando le informazioni mancanti saranno fornite dalle due parti, il timing sarà riavviato e il termine per la decisione della Commissione adeguato di conseguenza", ha affermato il responsabile della concorrenza dell'UE in una dichiarazione inviata via e-mail. In alcuni casi, le aziende colpite da virus hanno ritardato a rispondere alle richieste di informazioni, un fattore preso in considerazione delle autorità Ue. La Commissione aveva fatto notare a dicembre che l'accordo per la creazione di una società con una quota di mercato del 21% “potrebbe comportare un aumento dei prezzi”.
Hyundai e Daewoo sono leader nei settori grandi navi portacontainer, cisterne, navi per il trasporto gas naturale liquefatto e gas di petrolio liquefatto, e alcune compagnie di navigazione europee sono tra i loro maggiori clienti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA